/ Politica

Politica | 16 febbraio 2021, 18:11

Relazioni sindacali difficili al terminal San Giorgio

Filt Cgil–Fit Cisl–Uiltrasporti: “Basta col precariato, a breve un’assemblea”

Relazioni sindacali difficili al terminal San Giorgio

“Spiace ancora una volta constatare le difficili relazioni sindacali impostate da questa dirigenza: ogni decisione non viene discussa né anticipata né tantomeno condivisa coi rappresentanti dei lavoratori, riteniamo che quest’atteggiamento provocatorio e prevaricante nei confronti dei dipendenti non faccia bene a nessuno; le organizzazioni sindacali hanno avuto la notizia che ad un lavoratore a tempo determinato non è stato trasformato il contratto”: è quanto dichiarano Fabio Ferretti, Massimo Rossi e Duilio Falvo di Filt Cgil–Fit Cisl–Uiltrasporti.

I tre sindacalisti esprimono la loro preoccupazione perché in piena crisi pandemica non rinnovare un contratto a tempo determinato risulta sleale da parte di un’azienda che ha potuto proseguire con le attività anche durante il lockdown grazie all’impegno dei lavoratori: “I dipendenti – proseguono – che hanno messo a rischio la propria salute hanno garantito la produttività e meritano ben altro trattamento, crediamo infine che l’utilizzo del tempo determinato al terminal San Giorgio non sia utilizzato correttamente perché l’azienda si serve di uno strumento che rende precaria e difficile la vita lavorativa degli addetti con ricadute evidenti anche sotto il profilo della sicurezza”.

A breve verrà convocata un’assemblea per fare il punto e riprendere alcuni temi che avevano portato all’apertura dello stato d’agitazione al quale si aggiunge l’utilizzo ambiguo del tempo determinato all’interno del terminal.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium