/ Sport

Sport | 14 ottobre 2022, 11:15

29 anni fa l'addio a Paolo Mantovani, il ricordo della Sampdoria: "Il tuo sorriso ci scalda ancora il cuore"

Il 14 ottobre del 1993 se ne andava il presidente dell'epoca blucerchiata più bella e vincente di sempre

Foto pagina Facebook "U.C. Sampdoria"

Foto pagina Facebook "U.C. Sampdoria"

"Sono passati 29 anni ma il tuo sorriso ci scalda ancora il cuore. Ciao, Paolo Mantovani".

Il 14 ottobre del 1993 se ne andava il presidente della Sampdoria più bella e vincente di sempre. Il club blucerchiato lo ha ricordato stamane con queste parole pubblicate sui social del club, in una giornata che - vista l'attuale situazione sia societaria che di classifica - assume per i tifosi un'importanza che va oltre il semplice ricordo di uno dei grandi protagonisti, se non il più grande in assoluto, della storia della società di Corte Lambruschini.

Paolo Mantovani non è stato un semplice presidente, è stato il padre della generazione d'oro blucerchiata cresciuta sotto la sua ala protettrice. In carica come massimo dirigente dal luglio '79 (in precedenza fu addetto stampa tra il '73 e il '76), parti dalla serie B per arrivare a conquistare tutti i trofei nazionali (tre volte la Coppa Italia, lo Scudetto e la Supercoppa Italiana) ma anche un trofeo europeo come la Coppa delle Coppe sfiorando poi, nella mitica notte di Wembley, la Coppa dei Campioni persa solo ai supplementari contro il Barcellona. 

Nel 1994, qualche mese dopo la sua scomparsa, l'ultimo trofeo festeggiato dai blucerchiati: la Coppa Italia vinta nella doppia finale con l'Ancona non più sotto la sua presidenza ma con tanto del suo contributo, considerando che la squadra allestita per quella stagione fu in gran parte voluta da lui.

Oggi, tra una cessione che giorno dopo giorno assume sempre più i contorni di una telenovela e con una situazione del club difficile a dir poco, pensare a Paolo Mantovani e a quello "Stile Samp" marchio di fabbrica della sua presidenza non può che rappresentare un appiglio per auspicare un futuro migliore. Lo stesso nel quale l'attuale presidente Marco Lanna, uno dei ragazzi cresciuti nell'epoca blucerchiata più bella, sta tentando di condurre una società tramortita e indebolita dalle vicende degli ultimi anni.

Roberto Vassallo


Sei un tifoso? Ti occupi di un club di tifosi? Sei un appassionato di calcio?
Contattaci: daremo spazio ai tuoi pareri, umori e commenti sulla Sampdoria. Scrivi a redazione@lavocedigenova.it

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium