/ Cronaca

Cronaca | 01 febbraio 2019, 14:18

Tanti genovesi ai funerali di Prince Jerry, Don Martino: "Siamo tutti stranieri"

Folla per l'ultimo saluto al migrante di 25 anni, suicida dopo aver appreso il diniego alla sua domanda di asilo: la prospettiva di una vita da clandestino, o peggio del rientro in patria lo hanno spinto a lanciarsi sotto un treno (VIDEO)

Tanti genovesi ai funerali di Prince Jerry, Don Martino: "Siamo tutti stranieri"

Sono stati centinaia i genovesi i che hanno deciso di recarsi alla chiesa dell'Annunziata, per tributare l'estremo saluto al a Prince Jerry, il migrante nigeriano di 25 anni che si è suicidato lunedì 28 gennaio a Tortona gettandosi sotto un treno: l'insano gesto dopo aver saputo della risposta negativa alla sua richiesta di asilo.

Grande la commozione nella chiesa dell'Annunziata, a partire dalla sorella dello scomparso, arrivata dalla Spagna, mentre i genitori di Prince Jerry sono rimasti bloccati in Africa. L'unico rappresentante delle istituzioni presente il consigliere Mario Baroni in rappresentanza del Comune di Genova. "Abbiamo molto da farci perdonare per il nostro cuore malato e chiuso - dichiara monsignor Giacomo Martino, responsabile della comunità Migrantes di Genova -. Abbiamo voluto bene a Prince, ma forse non abbastanza. Lo straniero nella parola di Dio deve essere trattato come il prossimo, deve essere amato, tutti siamo stranieri".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium