/ Eventi

Eventi | 16 febbraio 2019, 17:48

Vinile, la seconda giovinezza passa anche da Genova: torna la Fiera del Disco

Oggi e domani ai Magazzini del Cotone del Porto Antico, la sedicesima edizione della tradizionale mostra mercato: organizza lo staff di Ernyaldisko. Ottanta espositori di livello nazionale ed europeo e migliaia di occasioni. Previsti pure concerti ed eventi

Vinile, la seconda giovinezza passa anche da Genova: torna la Fiera del Disco

Con la seconda giovinezza del vinile, la Fiera del Disco, Cd e Vinile da comprare e da scambiare è diventata, nel corso degli ultimi anni, un appuntamento sempre più affollato e di successo.

Oggi e domani il ‘tour’ nazionale e internazionale dei tanti espositori fa tappa a Genova, presso i moduli 7 e 8 dei Magazzini del Cotone del Porto Antico.

Si tratta della sedicesima edizione organizzata dal Record Shop Ernyaldisko di via Galata, che raccoglie ottanta venditori e migliaia e migliaia di occasioni tra vecchi Lp a 33, 45 e 78 giri, bootleg di concerti e registrazioni praticamente introvabili, ma anche tanto merchandising come spille, magliette, fotografie autografate dei propri beniamini e molto, molto altro.

Uno stupendo ‘bazar’ che a ogni edizione attira i numerosi collezionisti liguri (e non solo), ma anche tanti curiosi e pure chi si avvicina per la prima volta a questo straordinario mondo. Dove per un solo pezzo si possono spendere anche diverse migliaia di euro, ma dove è pure possibile fare degli affari a prezzi decisamente per tutte le tasche.

La manifestazione è patrocinata dal Comune di Genova. Oggi apertura sino alle ore 19, domani si torna alle ore 10 e si chiude di nuovo alle 19, con orario continuato (il ticket di ingresso è di cinque euro ma ne vale assolutamente la spesa).

Come sempre, lo staff di Ernyaldisko ha saputo selezionare i migliori espositori presenti in Italia, ma c’è pure qualche ospite europeo. Ad accompagnare la mostra-mercato, ecco un ricco programma fatto di concerti, dj set, presentazioni di libri, incontri a tema, mostra fotografica e memorabilia.

Domani ad esempio, alle ore 16,30, salirà sul palco la Scuola di Musica di Genova Bagoon: allievi ed insegnanti si alterneranno in un assai emozionante show dal vivo. Il tutto mentre si possono ammirare (e compulsare) i vari banchetti, suddivisi per genere: ci sono il jazz e il progressive, ma anche il rock e il pop, passando per la sezione metal e punk e per quella dedicata alla dance music. Molto ricco pure il reparto degli artisti e dei gruppi italiani, così come, da qualche anno a questa parte, lo spazio ritagliato per i dvd: non solamente quelli musicali, ma pure film e altre rarità che sono pressoché introvabili sul mercato ‘tradizionale’ e su quello online più diffuso.

Il tutto mentre, a livello italiano ma pure mondiale, il vinile sta vivendo un momento di ritorno che ha sempre più del clamoroso. Anche nel 2018, infatti, questo ‘antico’ e sempre molto affascinante supporto ha fatto segnare delle vendite record, affermandosi come uno dei formati più amati dagli ascoltatori. È una seconda vita ricca di successi, quella che sta caratterizzando 33 e 45 giri in tutto il pianeta, con dei ritmi di distribuzione che non si vedevano praticamente dalla fine degli anni Ottanta. E, almeno per quanto riguarda gli Stati Uniti, si tratta del tredicesimo anno continuativo in ascesa per gli appassionati del solco: nel 2018 sono state acquistate 16,8 milioni di copie, il 14,6% in più rispetto all’anno precedente. È quanto rivela Nielsen, nel rivelare l’andamento del mercato nell’anno da poco concluso.

E anche l’Italia non è assolutamente da meno: nel 2017 e nel 2018 la vendita dei vinili ha garantito all’industria musicale ricavi per ben sedici milioni di euro. Si tratta del 10% dell’intero mercato nazionale, fermo a 164 milioni di ricavi (dati Fimi). Rispetto agli anni precedenti, le vendite in vinile sono schizzate del 50%: in un anno gli italiani hanno speso sei milioni di euro in più per portarsi a casa dischi nel vecchio formato Lp.

Nella classifica delle vendite, i dischi più gettonati sono colonne e grandi classici. In prima posizione per gli album vi è ‘Guardians of the Galaxy: Awesome Mix Vol 1’, a pari merito con ‘Thriller’ di Michael Jackson, per ben 84.000 copie vendute ciascuno. Seguono ‘Rumors’ dei Fleetwood Mac (77.000), ‘Abbey Road’ dei Beatles (76.000), ‘Purple Rain’ di Prince (71.000), ‘The Dark Side of The Moon’ (67.000), ‘Legend’ di Bob Marley (61.000), ‘Greatest Hits’ dei Queen (60.000), ‘Back To Black’ di Amy Winehouse (59.000) e ‘Pray for the Wicked’ dei Panic! At the Disco (59.000).

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium