/ Politica

Politica | 21 marzo 2019, 13:34

“Tutta Genova bike to school”, Pastorino: "Mobilità sostenibile può già essere realtà"

Il consigliere regionale di Rete a Sinistra/LiberaMente Liguria: "Le istituzioni si impegnino per tutelare e promuovere la mobilità a impatto ecologico zero con atti concreti"

“Tutta Genova bike to school”, Pastorino: "Mobilità sostenibile può già essere realtà"

Questa mattina il capogruppo di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino ha partecipato a “Tutta Genova bike to school”, iniziativa di sensibilizzazione alla mobilità sostenibile per una città in cui la bicicletta possa diventare mezzo di trasporto quotidiano. Il “bicibus”, partecipato da almeno 400 persone fra bambini e genitori, ha attraversato le vie del centro e ha raggiunto palazzo Tursi per consegnare le proprie istanze alle autorità cittadine. "Una manifestazione assolutamente riuscita saluta il primo giorno di primavera. Tante famiglie e scolaresche, ma anche appassionati di ciclismo, si sono dati appuntamento in centro per dimostrare che la mobilità sostenibile è già una realtà; ma servono misure urgenti per la sua promozione e tutela – dichiara Pastorino -. Quindi: cicloposteggi muniti di antifurto davanti agli asili, alle scuole, nelle maggiori piazze; corsie ciclabili su tutte le strade principali, a cominciare dall’asse Lomellini-Carmine; mezzi pubblici attrezzati al trasporto della bicicletta. Bene avere più piste ciclabili, ma che siano anche rispondenti alla sicurezza del ciclista".

"Un buon punto di partenza, ma in tema di trasporti noi vogliamo di più. Anzitutto crediamo che la pianificazione strategica debba considerare maggiormente i fabbisogni e le peculiarità del territorio; quindi va migliorata la distribuzione e l’accessibilità ai servizi essenziali, come sanità e scuole – spiega Pastorino -. Allargando lo sguardo, è altrettanto necessario cambiare radicalmente il sistema di collegamento fra costa e entroterra. E che riqualificazione e qualità ambientale diventino davvero una priorità, a partire dalla sperimentazione sui mezzi di trasporto all’avanguardia, a impatto zero. Gli obiettivi mondiali sui cambiamenti climatici, sullo sviluppo sostenibile e sulla decarbonizzazione non possono restare slogan che la politica sbandiera e archivia a seconda delle opportunità. Serve impegno, a partire dai piccoli gesti, dalle azioni locali, perché non è una chimera pensare di poter vivere in un mondo più pulito".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium