/ Cronaca

Cronaca | 13 giugno 2019, 18:54

Tutto pronto per la task force del Sistema Sanitario regionale contro il caldo

Secondo i dati del monitoraggio sono quasi 900 i cittadini considerati a un livello di rischio elevato che risiedono nell'area dell'Asl3 (VIDEO)

Tutto pronto per la task force del Sistema Sanitario regionale contro il caldo

Si riattiva la task force ligure per combattere la possibile impennata di accessi alle strutture sanitarie a seguito del caldo imminente, e monitorare le persone a rischio per questione anagrafica o patologica.

Il sistema sanitario regionale divide questi soggetti fragili i tre categorie, sulla base di diversi parametri. In tutta la Liguria i soggetti a rischio moderato sono 176,153, 5860 sono quelli a rischio intermedio e 1894 sono i pazienti a rischio elevato, di cui quasi 900 nella sola area dell'Asl3.

Il commento dell'assessore Sonia Viale:

Per fare fronte alle esigenze di questi cittadini al meglio Alisa, insieme agli altri soggetti istituzionali competenti, ha elaborato il piano d'azione per la task force, che fa leva anche sull'esperienza già maturata sul tema negli anni passati. A guida del progetto Ernesto Palummeri, coordinatore del centro di riferimento ligure per le ondate di calore: l'obbiettivo e definire e monitorare le azioni da mettere in campo in corrispondenza di particolari condizioni di rischio legate alle alte temperature.

Il commento del commissario straordinario di Alisa, Walter Localtelli:

 

tra le misure a disposizione previste dal pano, anche la possibilità per Asl3 di disporre ricoveri temporanei in Strutture Residenziali Socio-Sanitarie dei soggetti suscettibili, segnalati dai Distretti Socio-Sanitari, Sociali o dai medici di medicina generale, per un periodo massimo di 10 giorni. Possibile anche il ricorso all'attivazione dell'unità di valutazione geriatrica per garantire le dimissiono protette dagli ospedali, il potenziamento della rete di riferimento del progetto "Meglio a Casa", che prevede il rientro al domicilio e la contestuale attivazione di un assistente familiare, per il periodo massimo di un mese, a totale carico di regione Liguria.

Sul sito di Asl3 è attivo un servizio di segnalazione dei vari livelli di rischio legati al calore, aggiornato in tempo reale, oltre a un elenco di buone pratiche per  prevenire i malori.

Le buone pratiche per minimizzare il rischio di malori legate alle alte temperature illustrate dal dottor Ernesto Palummeri:

Ecco i consigli per evitare colpi di calore e sopportare l'afa nel migliore dei modi senza rischi per la salute:

  • Evitare di uscire e svolgere attività fisica nelle ore più calde della giornata (dalle ore 11 alle ore 19). Non rimanere all'interno di auto parcheggiate
  • Se possibile recarsi qualche ora al giorno in zone ombreggiate all'aperto, oppure al chiuso ma dotate di aria condizionata ( evitando l'uso di ventilatori meccanici in caso di temperature elevate)
  • Ripararsi la testa dal sole con un cappello e in auto usare tendine parasole
  • Bere molti liquidi (almeno 1,5-2 litri al giorno), anche se non e ne sente la necessità
  • Assumere liquidi con regolarità
  • Durante il giorno usare tende per non fare entrare il sole e chiudere le finestre e le imposte, mantenerle invece aperte durante la notte
  • Evitare bevande gassate, zuccherate, troppo fredde o alcoliche, in quanto aumentano la sudorazione
  • Fare Pasti leggeri, preferendo frutta, verdura , pesce, pasta e gelati a base di frutta. Ridurre carne, fritti, cibi molto conditi o piccanti
  • Indossare abiti leggeri di cotone o lino, di colore chiaro, non aderenti e privi di fibre sintetiche
  • Non modificare o sospendere le terapie in atto senza consultare il proprio medico
  • Non assumere integratori salini senza informare il proprio medico
  • Evitare bruschi sbalzi di temperatura corporea, non respirare solo con la bocca ma farlo con il naso
  • Se si è affetti da diabete, esporsi al sole con cautela per il maggiore rischio di ustioni, stante la minore sensibilità al dolore
  • In caso di cefalea provocata da esposizione al sole bagnarsi subito on acqua fresca per abbassare la temperatura
  • Se si è affetti da patologie croniche, con assunzione continua di farmaci consultare il proprio medico di famiglia per conoscere eventuali comportamenti particolari o misure dietetiche specifiche

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium