/ Politica

Politica | 11 gennaio 2020, 15:53

Muzio: “Estendere a tutto il territorio regionale l’esperienza della medicina integrata”

Il capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale: "Risultati straordinari presso l’ospedale Gallino di Pontedecimo. Questo tipo di esperienza merita di essere sempre più valorizzato ed esteso a tutto il territorio regionale"

Muzio: “Estendere a tutto il territorio regionale l’esperienza della medicina integrata”

“I risultati straordinari ottenuti dal progetto di medicina integrata condotto presso l’ospedale Gallino di Pontedecimo dal professor Edoardo Rossi sotto la regia organizzativa di Piero Randazzo mostrano che questo tipo di esperienza merita di essere sempre più valorizzato ed esteso a tutto il territorio regionale. Rinnovo il mio impegno in tal senso in Consiglio Regionale e in Commissione Sanità. Auspico che, compatibilmente con le disponibilità di bilancio, possano essere rinvenute le risorse per procedere in questa direzione”. E’ quanto ha dichiarato Claudio Muzio, capogruppo di Forza Italia in Consiglio Regionale e membro della Commissione Sanità, intervenendo stamane al convegno sulla medicina integrata svoltosi a Genova Quarto presso i locali dell’ASL3 nell’ex ospedale psichiatrico. 

"Ho conosciuto la medicina integrata alcuni anni fa per motivi famigliari – ha proseguito Muzio - ed ho scoperto presso l’ambulatorio dell’ospedale Gallino un’umanità, una professionalità, un amore per il malato che mi hanno commosso. Ho potuto apprezzare l’approccio olistico della medicina integrata, volto a migliorare il benessere fisico, emotivo e psicologico della persona; la fusione tra quanto di più efficace può offrire la medicina accademica e i presìdi consolidati ed acclarati della medicina complementare; la capacità di far diventare i pazienti partecipi al processo di cura. Il tutto con l’obiettivo di ridurre gli effetti avversi delle terapie, in particolare della chemio”. 

“Il Consiglio Regionale – sottolinea ancora il capogruppo di Forza Italia - guarda con grande attenzione a questa esperienza, che sta diventando un punto di riferimento e di speranza per tante persone colpite da malattie rare od oncoematologiche. Ricordo che nel 2017, in sede di discussione ed approvazione del vigente Piano Socio Sanitario, che è stato oggetto di accesa divisione politica, sul tema della medicina integrata si sono invece registrate unanimità di vedute e unità d’intenti, con l’approvazione di una risoluzione da me proposta e sottoscritta trasversalmente dalle altre forze politiche, finalizzata a valorizzare questa esperienza e, ove possibile, estenderla a tutto il territorio regionale. Il mio auspicio è che si prosegua con sempre maggiore determinazione questo percorso”, conclude Muzio. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium