/ Economia

Economia | 27 marzo 2019, 15:50

Brexit: l’impatto su imprese e operatori a Genova

“L’impatto della Brexit per imprese e operatori” è il titolo del workshop che si è tenuto oggi a Palazzo Tobia Pallavicino, organizzato dalla Camera di Commercio di Genova in collaborazione con International Chamber of Commerce (ICC)

Brexit: l’impatto su imprese e operatori a Genova

“L’impatto della Brexit per imprese e operatori” è il titolo del workshop che si è tenuto oggi a Palazzo Tobia Pallavicino, organizzato dalla Camera di Commercio di Genova in collaborazione con International Chamber of Commerce (ICC).

Fra i numerosissimi profili di criticità e terreni di impatto che l’uscita del Regno Unito dall’Unione Europea comporterà per le imprese e gli operatori economici genovesi, il workshop si è focalizzato su: proprietà intellettuale, fiscalità, dogane e arbitrato.

La cosiddetta Brexit, inizialmente formalizzata per il 29 marzo 2019, è stata rimandata attraverso varie votazioni nel corso delle accese discussioni tenutesi in queste settimane nel Parlamento inglese, tanto da riportare sul tappeto il tema di un possibile nuovo referendum o della permanenza nell’unione doganale e nel mercato unico. Il termine ultimo dell’uscita dovrebbe essere spostato di qualche mese e con esso tutte le problematiche fiscali, doganali, commerciali e legali collegate. Al centro del workshop, le conseguenze pratiche della Brexit a livello aziendale e burocratico.

Dopo i saluti di Luigi Attanasio, presidente della Camera di Commercio di Genova, e Maria Beatrice Deli, segretario generale di ICC Italia, è stata la volta di quattro panel sugli argomenti più caldi: proprietà intellettuale, fiscalità, dogane e arbitrato.

“In un momento di grande incertezza - ha aperto Luigi Attanasio - il nostro obiettivo è aiutare aziende e operatori genovesi ad affrontare con la giusta serenità i cambiamenti che arriveranno con la Brexit. Una realtà come quella genovese è da sempre fortemente legata a Londra per rapporti economici e commerciali, e dobbiamo cercare di fare in modo che le nuove dinamiche geopolitiche influisca il meno possibile sulla qualità e la quantità degli scambi”.

Elio De Tullio, presidente commissione proprietà intellettuale di ICC Italia, ha condotto il panel su “Brexit e diritti di proprietà intellettuale”; Paolo de’ Capitani, presidente commissione fiscale ICC Italia, quello su “L’impatto della Brexit sulla fiscalità delle imprese e dei lavoratori”; Giovanni De Mari, presidente commissione dogane & trade facilitation di ICC Italia, con Sara Armella, coordinatrice della commissione, e Andrea Scappini, Agenzia delle Dogane, quello su “L’impatto delle procedure e dei controlli doganali sul commercio internazionale e la fluidità dei traffici”; Ferdinando Emanuele, presidente commissione arbitrato ICC Italia, ha condotto infine il panel dedicato a “L’impatto della Brexit sull’arbitrato internazionale”.

Proprio stamattina si è riunita a Genova la Commissione Dogane & Trade Facilitation di ICC Italia, presieduta da Giovanni De Mari e coordinata da Sara Armella. All’ordine del giorno, fra l’altro, la competenza camerale sul rilascio dei certificati di origine, documenti fondamentali per l’export, oggetto di recentissime nuove disposizioni ministeriali.

Comunicato stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium