/ Cronaca

Cronaca | 09 luglio 2020, 09:17

Stazioni Marittime, Siap: "Manca ancora la segnaletica per il distanziamento. Assurdo"

Traverso: "inaccettabile che a Genova, all’interno di uno dei più importanti porti del Mediterraneo, a prescindere dal Rischio Covid-19, che aggrava il fatto, possano verificarsi situazioni critiche per passeggeri e lavoratori, anche sotto il profilo sanitario"

Stazioni Marittime, Siap: "Manca ancora la segnaletica per il distanziamento. Assurdo"

“Stazioni Marittime Genova il 6 luglio, ovvero a 5 mesi dall’inizio del Covid-19 ha avuto il coraggio di scrivere alla Polizia di Stato affermando che 'È in corso di completamento l’allestimento della segnaletica verticale e orizzontale per garantire il distanziamento sociale con il contestuale potenziamento della vigilanza connessa'”, afferma Roberto Traverso del Siap.

“Il Siap ritiene questa situazione a dir poco gravissima e attende che la Polizia di Frontiera intervenga per quanto di propria competenza. Il Siap oltre a denunciare pubblicamente l’accaduto ha chiesto che tutta la documentazione acquisita proveniente da Stazioni Marittime di Genova venga inserita formalmente nel Dvr (Documento Valutazione Rischi) così che vengano attivate le procedure previste a tutela della sicurezza dei poliziotti.

Inoltre riteniamo inaccettabile che a Genova, all’interno di uno dei più importanti porti del Mediterraneo, a prescindere dal Rischio Covid-19, che aggrava il fatto, possano verificarsi situazioni critiche per passeggeri e lavoratori, anche sotto il profilo sanitario.

Infine - conclude Traverso - ci chiediamo se il porto di Genova faccia parte o meno della città del capoluogo ligure, visto che il sindaco Bucci e il governatore Toti son si stanno minimamente pronunciando su questa grave situazione”.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium