/ Cronaca

Cronaca | 15 gennaio 2021, 17:49

Lalla chiede a Bucci di far rimuovere il manifesto contro la pillola abortiva

Il Difensore civico e garante del diritto alla salute ha scritto al sindaco rilevando la non veridicità del messaggio contenuto

Lalla chiede a Bucci di far rimuovere il manifesto contro la pillola abortiva

Il Difensore civico della Regione Liguria Francesco Lalla, in qualità di garante del diritto alla salute, ha inviato una comunicazione al sindaco di Genova Marco Bucci in cui lo invita ad esaminare nuovamente la legittimità del manifesto dell’associazione ‘Pro vita & famiglia’ che è stato affisso a dicembre in alcune vie del capoluogo.

Le associazioni Aied, Rete di donne per la politica-Odv e Udi hanno presentato ricorso formale al garante dopo che il primo cittadino aveva rigettato la richiesta di far rimuovere il manifesto invocando l’articolo 21 della Costituzione che tutela la libertà di pensiero ed espressione.

“Il manifesto – spiega Lalla – fornisce notizie non vere circa la nocività della pillola Ru486 in quanto l’Agenzia del farmaco dopo le necessarie verifiche ne ha autorizzato la somministrazione che attualmente, avviene anche nelle strutture ambulatoriali pubbliche e dunque quel messaggio può ingenerare immotivati timori nelle donne che assumono la pillola abortiva Ru486”. Nella lettera inviata a Bucci il garante ricorda che lo stesso manifesto è stato già ritirato in altri Comuni italiani.

Comunicato stampa


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium