/ Cronaca

Cronaca | 11 giugno 2021, 15:03

Morte della 18enne vaccinata con AstraZeneca, si vuole far luce sulle patologie pregresse

Camilla soffriva di una malattia autoimmune del sangue. I NAS di Genova hanno acquisito le cartelle cliniche al San Martino

Morte della 18enne vaccinata con AstraZeneca, si vuole far luce sulle patologie pregresse

La Procura intende far luce sul decesso di Camilla Canepa, la 18enne deceduta nella giornata di ieri, 10 giugno, dopo alcuni giorni di ricovero e due operazioni per salvarle la vita da una trombosi del seno cavernoso verificatasi dopo l'inoculazione del vaccino AstraZeneca.

Secondo quanto appreso dagli inquirenti, la giovane soffriva di una patologia nota come piastrinopenia autoimmune familiare per la quale assumeva una doppia terapia ormonale.

Nelle scorse ore gli inquirenti hanno fatto visita all'ospedale San Martino di Genova, dove Camilla è deceduta, per acquisire la documentazione redatta dal suo ingresso nel nosocomio universitario e nell'ospedale di Lavagna, dove si era recata all'insorgere dei primi sintomi: l'obbiettivo sarebbe quello di capire se le condizioni pregresse alla vaccinazione, avvenuta il 25 maggio grazie a uno degli open day, siano state correttamente segnalate nell'anamnesi di rito da presentare prima della somministrazione.

Nei prossimi giorni verrà ufficialmente assegnato l'incarico ai medici legali per gli esami sulla salma della giovane.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium