/ Eventi

Eventi | 19 luglio 2021, 16:13

‘G8 project’: ‘Fare luce/Making light’, installazione di memoria del Teatro Nazionale di Genova (FOTO)

Livermore: "In controtendenza al malcostume nazionale della rimozione dei fatti traumatici viene offerta a tutti la possibilità di ricostruire gli eventi di quei quattro giorni"

‘G8 project’: ‘Fare luce/Making light’, installazione di memoria del Teatro Nazionale di Genova (FOTO)

Un’innovativa installazione tecnologica ideata dal direttore Davide Livermore il 19 luglio apre ufficialmente il ‘G8 project’ con cui il Teatro Nazionale di Genova, nella cornice più ampia degli eventi promossi lungo tutto il 2021 per festeggiare i 70 anni di storia, riflette sul drammatico G8 svoltosi a Genova nel 2001: un percorso che dopo questa prima tappa proseguirà in autunno tra laboratori, spettacoli ed incontri.

‘Fare luce/Making light’ è il titolo dell’installazione di memoria che potrà essere visitata al Teatro Ivo Chiesa dal 19 al 22 luglio in coincidenza col ventennale del G8 di Genova: di quei giorni abbiamo un’imponente bibliografia, una miriade di fotografie, servizi tv, film, documentari. Ma anche quando le testimonianze sono dirette, esiste sempre una voce intermediaria, una scelta, un montaggio che in qualche modo esprime un giudizio. L’obiettivo di Livermore, che s’è ispirato al modello della Casa della memoria di Santiago del Cile, è quello di offrire una sorta di cronaca pura degli eventi del G8 di Genova e dei giorni che lo precedettero. Il gruppo di lavoro del Teatro Nazionale di Genova, supervisionato dal giornalista del Secolo XIX Marco Menduni, premio Saint Vincent del giornalismo proprio per i suoi servizi sul G8, ha quindi portato avanti la ricerca sulle fonti con la massima oggettività possibile, per arrivare a un’esposizione aderente ai nudi fatti.

Gli spettatori saranno invitati a entrare in un enorme cubo bianco, allestito sul palco del Teatro Ivo Chiesa dove, avvolti dalle musiche di Stellare-Sartoria sonora, potranno iniziare un percorso da vivere attraverso il mezzo più diffuso nella quotidianità, il cellulare; grazie a un’app sviluppata appositamente per questo progetto da Ett, azienda genovese leader nel settore dell’innovazione multimediale, ognuno andrà ad inquadrare col proprio cellulare alcuni marker che sbloccheranno elenchi, date, cifre, cronache e sentenze: una sintesi senza precedenti di ciò che accadde durante ed attorno a quei giorni, un racconto suddiviso in dieci gradini che ciascun spettatore potrà comporre e portare via con sé sul proprio smartphone. Nella scheda finale, realizzata con la realtà aumentata, il confronto delle prime pagine dei quotidiani dell’epoca, italiani e stranieri.

«In controtendenza al malcostume nazionale della rimozione dei fatti traumatici, vedi gli ultimi sessant'anni della storia italiana - afferma Livermore - viene offerta a tutti la possibilità di ricostruire gli eventi di quei quattro giorni senza intermediazioni di nessun tipo, immagini e filmati compresi». Un invito a elaborare una memoria condivisa, comune e partecipata, rinsaldando il ruolo di agorà pubblica connaturato al teatro. L’installazione può essere visitata dalle 14 alle 21, gli spettatori saranno contingentati in conformità con la normativa anti Covid, ingresso gratuito su prenotazione direttamente sul sito del Teatro.

Massimo Bondì

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium