/ Sport

Sport | 22 novembre 2021, 14:50

Genoa, l'era americana prende forma con Zangrillo presidente: "E' una rivoluzione"

Calcio e non solo, il neo numero uno rossoblu fissa i cardini del nuovo progetto: "Siamo di fronte a uno scenario con straordinarie potenzialità, anche per la città"

Genoa, l'era americana prende forma con Zangrillo presidente: "E' una rivoluzione"

Serietà, trasparenza e impegno. Ma anche la consapevolezza di essere "di fronte a uno scenario con straordinarie potenzialità" non solo per il Genoa ma per tutta la città di Genova.

Sono questi gli imperativi fissati per attuare il progetto della nuova proprietà "777 Partners" dal neo presidente del club calcistico più antico d'Italia, un inizialmente emozionato ma controllato dottor Alberto Zangrillo, nella sua conferenza di presentazione di Palazzo Ducale.

Una cornice inusuale e innovativa per un appuntamento del genere, due aggettivi questi applicabili al contempo al programma "a medio e lungo termine per internazionalizzare il calcio partendo dal Genoa, fatto di modernità, originalità e che deve rispondere a una nuova esperienza" presentato sia dal nuovo numero uno dell'organigramma di Villa Rostan che dal rappresentante della holding statunitense, Josh Wander, in quelle che saranno le sue linee guida, da cui è scaturita la scelta del direttore del San Raffaele.

Il principale perimetro in cui si muoverà Zangrillo sarà però quello dei rapporti tra nuova proprietà e quel contesto cittadino, regionale e nazionale in cui far affondare le radici del nuovo Genoa. Un ruolo di "link e interprete" da affrontare con "serietà, pragmatismo, visione e mezzi" che non sconfinerà in decisioni di campo se non espressamente richieste, ha garantito, e senza farsi trasportare dalle emozioni del tifoso. "Mai ho chiesto di affidarmi particolari incarichi, non è il mio ruolo come interessarmi del rafforzamento della squadra, non mi competo. Se sarà richiesto il mio parere lo darò ma non è il mio ruolo. Ciò detto non sarò un presidente 'cucchiaio di legno' ma cercherò di rappresentare al meglio il Genoa nella comunità di Genova e del calcio italiano" ha precisato il presidente.

"E' un uomo devoto da 63 anni al club come tifoso, ma la scelta non è arrivata per caso, bensì da un'analisi a monte per cui il professor Zangrillo potrà aiutarci in questo senso, anche grazie alle sue doti di uomo di scienza e di medico, capace di prendere decisioni scevre dalle passioni" ha detto Wander, aggiungendo come anche le sue competenze mediche potranno essere una risorsa anche nella preparazione della squadra.

Il polso fermo del primario pare essere stata, oltre alla conoscenza del tessuto politico e sociale genovese e italiano, una delle caratteristiche su cui gli investitori americani hanno centrato il mirino nella scelta. Una dote chiara anche quando il presidente ha smentito le voci su un suo coinvolgimento arrivato grazie alla famiglia Berlusconi, parlando di "pregiudizi e favole circa i rapporti con amici, pazienti e frequentazioni", e sull'affidabilità del progetto: "Come potete immaginare che mister Shevchenko potesse essere della partita senza aver avuto ampie rassicurazioni? Questi signori non hanno mai mancato di fare ciò che era stato detto il giorno prima, per quale motivo avendo tutte queste possibilità, un profilo internazionale e conoscendo tutto del calcio e non solo avrebbero dovuto scegliere Genova e il Genoa se non per rispondere a quanto illustrato?". 

La società di calcio quindi come "un veicolo per promuovere un progetto di dimensione internazionale allargato, che ha come centro la città di Genova" e che consenta al capoluogo di regione, visitato ieri (domenica 21 novembre, ndr) delle più alte cariche della holding insieme al sindaco Bucci, a "rientrare tra le grandi città del mondo" attirando altri grandi investitori da tutto il globo. "Ma per farlo - spiega Wander - bisognerà prima organizzare la società e poi avviare un movimento virtuoso per aumentare i ricavi e avere basi più solide per ripartire".

Insomma, attenzione senza dubbio al campo perché i risultati, sebbene non sia argomento affrontato apertamente in conferenza, sono importantissimi in quella che i nuovi vertici societari rossoblù definiscono "una vera e propria rivoluzione, un'internazionalizzazione del club" tracciando una linea chiara per raggiungerli: "Il nostro approccio è basato sul fatto che facendo le cose per bene col tempo questi dovranno arrivare, l'importante è attenersi ai programmi con estrema coerenza in maniera assiomatica" ha aggiunto Wander.

"Una svolta imprenditoriale moderna" discostandosi dagli "argomenti degli ultimi 50/60 anni" dei genoani, abituati a "sublimarsi nella sconfitta" ha detto il presidente, sarà quindi la cifra del Genoa del futuro, seppur con l'attenzione sempre rivolta alle tradizioni e alla grande importanza che il tifo genoano hanno da sempre assunto nella storia del club, ricordati nel segno della figura dello storico capo ultras, Pippo Spagnolo: "Sappiamo che qui ci sono in gioco storia, tradizione e valori, che la Gradinata Nord è un unico esempio di amore illimitato. Pippo mi ripeteva la sua frase, che calza a pennello col momento attuale, ma ora c'è anche la possibilità di arrivare dove prima, se non in tempi molto remoti, siamo arrivati. Attraverseremo momenti difficili, avremo bisogno che i tifosi ci stiano affianco perché una rivoluzione non è mai semplice".

Spazio quindi ai temi di più stretta attualità come quello dei murales dipinti sotto la curva genoana, di cui la Sampdoria ha chiesto la rimozione: "Sono estremamente rispettoso dell'autorità competente quindi non spetta a noi decidere cosa fare, però quando c'è qualcosa di bello e autentico posso dire che sarebbe come recidere un fiore in un'aiuola cancellarli". 

Ma anche del nuovo direttore sportivo: "Si stanno cercando figure di rilievo in giro per il mondo e compatibilmente con le possibilità verrà preso il meglio in tutti i sensi" ha chiosato Zangrillo.

Mattia Pastorino

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium