/ Attualità

Attualità | 05 maggio 2022, 15:33

Paola Roberto, la sarta dei sogni per ogni donna, organizza la sua prima sfilata

Da diciassette anni gestisce l’atelier ‘Paola Roberto sartoria artigianale’, che si trova a Sestri. “Mi sento pronta a uscire da dietro le quinte per mostrare a più persone possibili quello che creo”. Appuntamento domenica 8 maggio al Porto Antico

Paola Roberto, la sarta dei sogni per ogni donna, organizza la sua prima sfilata

A Sestri Ponente c’è una ragazza di talento che trasforma le sue idee, i suoi sogni e le sue intuizioni in disegni su carta, che poi colora, che poi diventano stoffa, che poi vengono cuciti e finiscono per essere degli abiti bellissimi, abiti di sartoria artigianale, come si facevano una volta. L’artigianato di casa nostra si manifesta attraverso mille forme, è una vera eccellenza di una città come Genova e di una regione come la Liguria e, nel settore della moda, la qualità è mantenuta a livelli altissimi, oltre che con un gusto speciale, da Paola Roberto, che da ben diciassette anni opera sul campo.

Lavora sarebbe riduttivo, perché Paola crea, innova, emoziona e stupisce: questa è la sua attività, saper vestire le donne con stile e con un pensiero dietro, trovare sempre il modo di far trionfare la bellezza, perché da quella fuori poi scaturisce quella dentro, ed ecco allora che un bel vestito indossato fa bene al corpo, all’anima e alla testa.

Paola gestisce l’atelier ‘Paola Roberto sartoria artigianale’, che si trova a Sestri, in vico al Gazzo 2 rosso, una traversa della popolarissima e frequentatissima via Sestri. Ha incassato il colpo del Covid, un po’ come la maggior parte dei commercianti, ma essendo una donna determinata e forte è riuscita a reagire, ha risposto alle nuove sfide, ha nuovamente tirato su la saracinesca, rimesso in moto la macchina per cucire, fatto girare i fili e fatto scendere gli aghi dentro i tessuti, per tornare a creare e a emozionare.

Quarantadue anni, porta avanti un mestiere tanto antico quanto affascinante, quello della sartoria su misura, ed è tra le più giovani e forse tra le ultime ad aver intrapreso questa strada. “Mi piace dire - racconta - che sono una sarta da donna, non una stilista. Ho sempre avuto la passione per questo antico mestiere, una vera e propria arte per troppo tempo dimenticata, ma ora in attesa di essere riscoperta e amata da tutte coloro che necessitano vestire abiti che rappresentino loro stesse, per potersi piacere e sentirsi a proprio agio con ciò che indossano”.

Paola Roberto ha frequentato il liceo artistico ‘Barabino’ e, successivamente, ha studiato arte sartoriale alla scuola ‘Lertora’, “una delle ultime scuole storiche della mia città di Genova. Poi, ho intrapreso il mio cammino lavorativo non appena diplomata, aprendo un’attività tutta mia all’età di ventiquattro anni. Questi diciassette anni sono stati duri, ho fatto da sola la mia gavetta, ampliando la mia esperienza e lavorando direttamente sulle mie amate clienti. Ho superato a denti stretti la crisi economica del 2008 e, con tanti sacrifici, senza darmi mai per vinta, ho iniziato a trovare la mia sicurezza, principalmente in me stessa, successivamente nel mio lavoro e mi sono sentita pronta a uscire da dietro le quinte con il desiderio di mostrare a più persone possibili il risultato di tutti questi anni di esperienza sartoriale”.

Da qui, nasce l’idea che Paola si portava dietro, e dentro, da diverso tempo, ma che non era ancora riuscita a realizzare a causa del Covid: “Organizzare la mia prima sfilata di moda: un progetto che finalmente è diventato realtà”.

L’appuntamento è per domenica 8 maggio, dalle 18 in poi, ai Magazzini del Cotone del Porto Antico, nella sala congressi, “dove ho allestito una vera e propria passerella, grazie al lavoro di un fantastico gruppo di persone intorno a me”. Ci sono Antonella Chiari come assistente di sartoria, Katia Mathis e Rosa Targiani come hair stylist con lo staff di Krfashion, Nuccia Iandolino come make-up artist, Rossella Momini e Laura Seidita come collaboratrici, Emanuela Alberti come designer dei gioielli, Pascal Lacroix come fotografo e videomaker, Paola Lupi come assistente di fotografia, Francesca Ricciardi ancora per la fotografia, Massimo Pegoraro (Modus) per le musiche, in collaborazione con Fabrizio Rapetti di Beat Frequensies. Parteciperà anche la soprano Ksenia Bomarsi, che canterà alcuni brani de ‘La Bohème’.

“In sfilata - prosegue Paola Roberto - mostrerò quarantacinque mie creazioni tra abiti da sposa, da sera e abiti scultura disegnati, progettati e confezionati unicamente da me. Il mio progetto nasce come evento artigianale dedicato alle donne e per le donne. È realizzato da uno staff femminile di professioniste di vari settori che hanno creduto in me, come io in loro, e hanno deciso di camminare al mio fianco per rendere possibile tutto questo. Dedicherò queste creazioni a tutte le donne che desiderano essere libere di scegliere per se stesse, che hanno un sogno da realizzare, qualsiasi esso sia, per cui valga la pena lottare tra mille difficoltà perseverando oltre ogni limite. Il messaggio che lancerò sarà quello di avere sempre un obiettivo e provare a raggiungerlo con le proprie forze, senza scendere mai a compromessi, sapendo di aver fatto il possibile fino all’ultimo. Proprio come ho fatto io”.

Infatti, la sfilata è esattamente questo: la storia di Paola Roberto. Non vuol essere chiamata stilista. È indubbiamente una ragazza che ce l’ha fatta. E che continua a farcela, giorno dopo giorno. 

Alberto Bruzzone

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium