/ Cultura

Cultura | 24 giugno 2022, 16:30

Le note del pianoforte riecheggiano a Sant’Apollinare di Sori

La seconda edizione di ‘Sant’Apollinare International Piano Festival’, nell’incomparabile bellezza di un luogo sospeso tra il cielo e il mare. Si esibiscono Adolfo Barabino (sabato 25 giugno) e Stefano Greco (mercoledì 29 giugno)

Le note del pianoforte riecheggiano a Sant’Apollinare di Sori

Le note del pianoforte riecheggiano a Sant’Apollinare di Sori. Al via la seconda edizione di ‘Sant’Apollinare International Piano Festival’. Questa la volontà di alcuni cittadini soresi, amanti dell’arte e del proprio territorio.

Dopo l’incredibile successo della prima edizione, iniziativa accolta e fortemente appoggiata dal sindaco di Sori Mario Reffo, ecco la seconda edizione, con due imperdibili concerti per pianoforte, sul prato davanti la chiesetta antichissima della frazione (risalente al 1200).

Il primo è sabato sera, 25 giugno; il secondo mercoledì 29 giugno, entrambi alle 20,30. Nadia Putzu, il presidente della neonata ‘Associazione Culturale Berceuse’, che sta realizzando questo progetto per l’estate riferisce: “L’Associazione nasce dalla volontà di alcuni cittadini soresi, amanti dell’arte e del nostro territorio, di consorziarsi per portare a Sori, ma non solo, l’arte della musica associata alla peculiarità del territorio. Il nostro direttore artistico Adolfo Barabino, uno dei migliori interpreti di Chopin, occasionalmente residente nel suo rifugio artistico di Sant’Apollinare, vanta una trentennale attività concertistica quasi interamente svolta all’estero”.

Ed è lui che si esibisce sabato sera. Barabino ha già realizzato 10 tournée in Giappone ed è considerato uno dei migliori interpreti di Chopin della sua generazione. Il suo disco con il concerto di Chopin no.2 op.21 inciso a Londra con la London Symphony Orchestra è stato nominato al Grammy Awards.

“Era suo desiderio portare a Sant’Apollinare dei concerti di musica classica, creando un sorprendente connubio fra la musica e il silenzio che avvolge l’incomparabile bellezza di questo luogo, sospeso tra il cielo e il mare”. Anche quest’anno gli artisti avranno il miglior strumento musicale della regione: il Piano Steinway & Sons Modello D, Gran Concerto, fornito dalla ditta Pianosolo di Genova.

Il progetto che sta prendendo vita, alla sua seconda edizione, tende a consolidarsi e si propone con una serie di concerti pianistici all’aperto, da tenersi nello specifico, sul sagrato prospiciente la piccola chiesetta millenaria. “L’iniziativa culturale vuole essere un momento di alto livello musicale che, per ospiti e location, e si vuole porre alla stregua di altre già famose e conosciute in Italia, quali il Festival di Ravello in Costiera Amalfitana, quello di Spoleto in Umbria o la rassegna di Cervo qui nel Ponente della nostra Liguria”.

Il Maestro Barabino presenterà un repertorio comprendente musiche di Liszt, Debussy e Chopin. L’evento sarà seguito da un secondo concerto, con l’esibizione del noto pianista Stefano Greco, mercoledì sera, che interpreterà i grandi Bach, Beethoven e Liszt. L’ingresso ai concerti del ‘Sant’Apollinare International Piano Festival’ è libero. Per assistere, occorre prenotare chiamando la Pro Loco di Sori per garantirsi il posto a sedere: 0185 700681. In entrambe le serate, per chi volesse muoversi con i mezzi pubblici, viene anche garantito il servizio navetta nella tratta: San Bartolomeo - Sant’Apollinare - Sori.

Rosa Cappato

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium