/ Cronaca

Cronaca | 25 gennaio 2023, 13:37

Migranti, a Spezia la nave 'Geo Barents', 130 persone a bordo "Nessuna risposta dalle autorità italiane" (Foto)

A bordo anche 24 minori, tra cui un bambino che ha meno di un anno

Migranti, a Spezia la nave 'Geo Barents', 130 persone a bordo "Nessuna risposta dalle autorità italiane" (Foto)

Assegnata al porto di La Spezia la nave 'Geo Barents' con a bordo 130 migranti salvati in mare nelle ultime 24 ore da Medici Senza Frontiere. La nave è destinata in Liguria per effetto del decreto del governo che prevede l'individuazione di porti sicuri per lo sbarco dei migranti.

Ieri MSF aveva effettuato il salvataggio di 69 migranti, ma oggi, come ha spiegato la stessa ONG "Mentre andavamo verso nord abbiamo ricevuto un'allerta da Alarm Phone. Geo Barents si è diretta verso il punto segnalato, ma durante la navigazione abbiamo incontrato un'altra imbarcazione in difficoltà in acque internazionali (zona SAR Libia). Abbiamo così effettuato il salvataggio: 61 persone, tra cui 13 donne e 24 minori (un bambino ha meno di 1 anno)".  

Le autorità italiane sono state avvertite, ma non abbiamo ricevuto al momento nessuna risposta. Adesso a bordo abbiamo 130 sopravvissuti (69 persone soccorse ieri, 61 oggi)".

La notizia dell'imminente sbarco è stata commentata dalla politica locale.

I porti della Liguria - ha spiegato il presidente della Regione Giovanni Toti - sono a disposizione del Governo, ritengo che sia giusto dare un po’ di respiro ai porti più oberati dal flusso migratorio nel sud del Paese. Siamo a disposizione di Prefetture e autorità di polizia, a cui spettano tutte le operazioni relative all’accoglienza dei migranti, con la nostra Protezione civile e la nostra sanità ove la Prefettura di Spezia ne faccia richiesta. Come ho già detto giorni fa quando si ventilava questa ipotesi, non sarà certamente qualche decina di migranti un problema per la Regione Liguria".

"Il Governo Meloni - ha commentato l'europarlamentare ligure Brando Benifei, esponente del Partito Democratico - ha assegnato il porto della Spezia alla Geo Barents, la ONG che ieri ha soccorso 69 migranti al largo della Libia.

So che gli spezzini saranno aperti e pronti ad accogliere queste donne e questi uomini, ma costringere una nave ad attraccare in un porto lontano 1200 km e a 100 ore di navigazione è semplicemente inumano: l’ennesima punizione per chi ogni giorno si impegna a salvare le vite in mare.

Questo approccio da parte del Governo Meloni deve finire, è una vergogna per l’Italia davanti agli occhi del mondo".

Francesco Li Noce

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium