/ Municipio Ponente

Municipio Ponente | 24 maggio 2023, 15:17

Pegli, l’ultima infornata del Panificio Cornaglia. Era aperto da quarant’anni

Oggi finisce l’avventura della signora Lella e del figlio Roberto, iniziata in via Ricasoli nel 1983: “È arrivato il traguardo e me ne vado piena di soddisfazioni, anche se ovviamente molto a malincuore”

Pegli, l’ultima infornata del Panificio Cornaglia. Era aperto da quarant’anni

Era il negozio della pinolata, del torrone venduto a peso, della focaccia secca che più sottile non si può, il negozio del camolone e del pane cafone. Era e purtroppo da domani non sarà più: perché il Panificio Cornaglia di via Ricasoli, a Pegli, chiude i battenti dopo una gloriosa e soprattutto golosa avventura durata quarant’anni.

Quattro decadi di storia, di buon gusto, di qualità e cortesia: un lungo periodo nel quale Clelia Cornaglia, che tutti conoscono come Lella, è stata dietro al banco, a servire questo o quel cliente, ad ascoltare questa o quella confidenza, ad accontentare questo o quel frequentatore abituale, assolvendo pienamente e sempre orgogliosamente al compito di un negozio di vicinato. In un commercio che si sta sempre più trasformando, e dove la grande distribuzione lascia i suoi segni, anche in termini di abitudini al consumo (il rapporto tra chi vende e chi compra è sempre più impersonale), raccontare la storia del Panificio Cornaglia equivale a raccontare una storia d’altri tempi, una storia ‘vintage’, tanto quanto le pareti in legno di questo negozio, gli scaffali con le etichette dei prezzi nere e bianche come si usava una volta, le scritte con le promozioni e le offerte rigorosamente fatte a mano.

È stato sin dal 1983, questo angolo di via Ricasoli, nel cuore della Pegli ‘bene’, il regno di Lella, prima insieme al marito Alberto, poi insieme al figlio Roberto e alla nuora Samantha: “Ho settant’anni, sono qui da quaranta e prima ancora ho lavorato per undici anni in un negozio di fiori e, da giovanissima, in un negozio di giocattoli, come dipendente. La mia vita è stata sempre votata al commercio. Sono nata a Bolzaneto, ho vissuto a Cornigliano, ma gran parte del mio lavoro l’ho svolto a Pegli, perché è qui che mio marito aveva trovato un forno da rilevare, dalla famiglia Casale. Peccato che questa attività se la sia goduta poco, visto che è mancato giovanissimo, quando aveva 37 anni. Io sono andata avanti anche per lui, potendo contare sulla collaborazione di alcuni fornai, sino a quando mio figlio Roberto, che aveva imparato dal papà tutti i segreti e tutte le ricette, ha deciso di andare avanti lui, prima con la pasticceria e poi con il pane. Adesso, però, è arrivato il traguardo e me ne vado piena di soddisfazioni, anche se ovviamente molto a malincuore”.

Il Panificio Cornaglia per anni è stato un riferimento a Pegli: “La maggior parte sono clienti abituali, quasi tutti residenti in zona. Per moltissimo tempo sono stata la signora Casale, visto che mi chiamavano con il nome dei precedenti gestori. A poco a poco, sono diventata Lella, sono entrata nel cuore dei pegliesi e loro sono entrati nel mio”.

Ieri una signora di 94 anni, che da tempo non riesce più a uscire di casa, ha voluto farsi accompagnare fuori a tutti i costi, “perché mi voleva salutare e voleva dirmi che da noi si è sempre trovata bene e desiderava farlo di persona: questo gesto mi ha commosso moltissimo, è stato il miglior ringraziamento e il miglior regalo che potessi ricevere”. Ecco cos’è un negozio di vicinato, eccolo spiegato nel gesto della signora di 94 anni: “Ma a poco a poco è diventato difficile andare avanti e a un certo punto non abbiamo avuto altra scelta che quella di salutare tutti”.

Il servizio di rivendita del pane e della focaccia, oltre che del latte, sarà mantenuto dalla vicina gastronomia, ‘Franco e Sabrina’, pure loro ormai radicati sul territorio da lungo tempo e molto amati e stimati dalla popolazione per la professionalità, la cura e la cortesia. Mancherà, però, il camolone del Panificio Cornaglia, quel lungo filone all’acqua che assomiglia a una grandissima camola, mancherà il pane ai cereali, mancheranno i dolcetti. Mancherà il sorriso di Lella, una donna che ha dedicato tutta la sua vita al lavoro, una donna che ha dedicato gran parte della sua vita a portare avanti il sogno del marito Alberto. Ci porteremo nel cuore questi quarant’anni, ci porteremo nel cuore il sano, genuino e inimitabile commercio di una volta. Perché negozi come il Panificio Cornaglia hanno fatto tanto bene agli occhi e al cuore, oltre che al palato. “Le auguro di andare alle Maldive”, dice una cliente alla signora Lella. Sicuramente se lo merita, di fare un bel viaggio.

Alberto Bruzzone

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium