/ Pronto condominio

Pronto condominio | 25 marzo 2024, 07:00

Riscaldamento in condominio: il consumo volontario vale almeno il 50%

Per i consumi involontari, in larga parte dispersioni di calore, decide l’assemblea con il voto favorevole della maggioranza degli intervenuti in assemblea, che rappresenti almeno i 333 millesimi del valore complessivo dell’edificio

Riscaldamento in condominio: il consumo volontario vale almeno il 50%

Il decreto legislativo n. 73 del 14 luglio 2020 “Attuazione della direttiva (UE) 2018/2002 che modifica la direttiva 2012/27/UE sull'efficienza energetica” ha modificato l’articolo 9, comma 5, lettera d) del decreto legislativo 102/2014, stabilendo che per la suddivisione delle spese di riscaldamento centralizzato in condominio non è più obbligatorio rifarsi alla norma tecnica Uni 10200 prevedendo, al contempo, che l’importo complessivo vada suddiviso tra gli utenti finali attribuendo una quota di almeno il 50% agli effettivi prelievi volontari di energia termica, misurati attraverso sottocontatori o ripartitori. Per ripartire gli importi rimanenti, ossia i consumi involontari (si tratta soprattutto delle dispersioni di calore dell’impianto) l’assemblea condominiale può deliberare il criterio che ritiene più opportuno: millesimi di proprietà o “di riscaldamento”, metri quadri o metri cubi utili, potenze termiche installate. Nulla vieta, inoltre, di continuare a utilizzare la Uni 10200. L’importante è che la quota del consumo involontario non sia superiore al 50% dei consumi complessivi.

Le novità introdotte dal dlgs 73/2020 segnano una netta rottura con il passato. La Uni 10200 suddivideva, infatti, i consumi involontari in base ai millesimi di riscaldamento calcolati da un tecnico abilitato, che tenevano conto del fabbisogno energetico delle singole unità immobiliari, mentre adesso è l’assemblea a decidere, seppure entro il limite minimo del 50% da attribuire ai prelievi volontari, la percentuale della quota di consumo involontario. Per procedere in assemblea occorrono i 333 millesimi oltre alla maggioranza degli intervenuti (articolo 1136, comma 3, del Codice civile).

A completare il quadro è la guida realizzata da Enea - l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l'energia e lo sviluppo economico sostenibile – che spiega come ciascun criterio abbia i suoi pro e i suoi contro e molto dipenda dalla tipologia di edificio. Così, ad esempio, il metodo dei millesimi di superficie è il più semplice mentre che tiene conto dei millesimi di potenza installata è utile se nelle singole unità immobiliari sono presenti radiatori con potenze tra loro diverse a parità di superfici. E ancora, il metodo dei millesimi di fabbisogno è da preferire se gli appartamenti presentano fabbisogni molto diversi a parità di superficie. 

In collaborazione con Confappi-Fna Federamministratori

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium