/ Politica

Politica | 11 aprile 2024, 16:45

Donne vittime di violenza, approvato il fondo regionale per l'inserimento lavorativo

Il capogruppo di Forza Italia Claudio Muzio: “E’ un’iniziativa che può sostenere in maniera concreta le vittime, in particolare quelle che si trovano anche in condizione di difficoltà economica, aiutandole a superare lo stato di dipendenza, di sopruso e di ricatto a cui sono sottoposte”

Donne vittime di violenza, approvato il fondo regionale per l'inserimento lavorativo

“Lo stanziamento regionale di centodieci mila euro destinati ad un fondo finalizzato a sostenere l’inserimento lavorativo delle donne vittime di violenza è un’iniziativa importante, per la quale ringrazio l’assessore regionale Simona Ferro, e rientra tra le misure che avevo prospettato nella mia proposta di legge sul ‘sostegno di libertà’ alle donne che subiscono violenza, presentata a inizio 2021. Tale proposta di legge, dopo aver ricevuto il parere favorevole del CAL ed essere stata incardinata in Commissione, necessita ora, per proseguire il suo iter, di una revisione in esito alle sopraggiunte novità normative nazionali, in particolare l’istituzione del reddito di libertà”.

È quanto dichiara il consigliere regionale Claudio Muzio, capogruppo di Forza Italia.

“Ricordo che la promozione dell’inserimento e reinserimento lavorativo come forma di sostegno alle donne vittime di violenza, in stretta collaborazione con le aziende, i centri antiviolenza ed i Comuni - prosegue Muzio - è da tanti anni un cavallo di battaglia di Azzurro Donna, il movimento femminile di Forza Italia, che attraverso la ex responsabile regionale Alice Dotta ha dato un forte contributo alla stesura della mia proposta di legge”.

“Bene dunque il fondo ad hoc istituito dalla Regione. E’ un’iniziativa che può sostenere in maniera concreta le vittime, in particolare quelle che si trovano anche in condizione di difficoltà economica, aiutandole a superare lo stato di dipendenza, di sopruso e di ricatto a cui sono sottoposte”, sottolinea ancora il capogruppo di Forza Italia.

“Tra le altre misure previste dalla mia proposta di legge vi sono l’erogazione di un sussidio corrisposto per un periodo che va dai dodici ai trentasei mesi, gli incentivi per l’apertura di un’attività in proprio, l’aiuto economico per favorire la mobilità geografica per far fronte alla violenza ed al pericolo, la garanzia della continuità scolastica per i figli che debbano completare il ciclo di istruzione”, conclude Muzio.

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MAGGIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium