/ Cronaca

Cronaca | 16 maggio 2024, 12:45

Corruzione in Liguria, Toti rimane a bagnomaria per altri dieci giorni: sarà ascoltato dal 27 maggio in poi

Il presidente della Regione dovrà attendere altro tempo per fornire la sua testimonianza nell’ambito dell’indagine della Procura di Genova

Corruzione in Liguria, Toti rimane a bagnomaria per altri dieci giorni: sarà ascoltato dal 27 maggio in poi

Prima del 27 maggio nessun interrogatorio per il presidente della Regione Liguria Giovanni Toti. Agli arresti domiciliari per corruzione nell'ambito dell'indagine della Procura di Genova, il governatore aveva fatto richiesta tramite il legale Stefano Savi, per calendarizzare l’udienza. 

Il team legale è pronto a collaborare con l’autorità giudiziaria: “La procura immagino stia facendo attività istruttoria - ha spiegato Savi ieri - quando ci vorranno chiamare noi siamo pronti". Ha aggiunto che Toti "sta leggendo le carte, al momento novità non ce ne sono. Aspettiamo che ci chiamino”. La chiamata è arrivata, e per le prossime due settimane sarà necessario aspettare.

E sulla presenza a Montecarlo del suo assistito, Savi ha commentato: "Toti mi ha spiegato che a Monaco è stato una sola volta insieme alla moglie per motivi familiari. In quell’occasione Spinelli li ha invitati a mangiare qualcosa insieme. È stato un incontro assolutamente casuale, totalmente a carico di Toti che se l’è pagato con i suoi soldi. E Briatore non c’entra nulla"

Redazione

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium