/ Innovazione

Innovazione | 17 maggio 2024, 15:52

La primavera genovese culla la creatività: dal 22 al 26 maggio torna la Be Design Week

Il centro storico si prepara a ospitare esposizioni, convegni e arte in ogni sua forma. Tema scelto per la quinta edizione è “Design in movimento”. L’assessora Paola Bordilli: “I caruggi sono punto vivo essenziale di sviluppo sociale, culturale e commerciale”

La primavera genovese culla la creatività: dal 22 al 26 maggio torna la Be Design Week

Ancora una volta il centro storico di Genova si prepara ad accogliere  la creatività: dal 22 al 26 maggio torna Genova BeDesign Week, la manifestazione dedicata al design e all’architettura a cielo aperto giunta alla sua quinta edizione. L’evento coinvolgerà ben centosessantasei espositori e prevede un fitto calendario di appuntamenti: convegni, eventi fuori e dentro il cosiddetto Distretto, del design (la zona compresa tra via San Lorenzo, via San Bernardo e Santa Maria di Castello), momenti musicali e mostre. Nel corso del tempo sempre più realtà del centro storico hanno deciso di far parte di questo ambizioso progetto, e lo dimostrano i numeri dei luoghi espositivi: ben quarantadue atri di palazzi verranno trasformati in spazi dedicati all’arte, oltre a tante piazze e scorci caratteristici della città.   

“Il tema di questa edizione sarà il ‘Design in movimento’ - spiega Elisabetta Rossetti, presidente del DiDe -. È stato scelto per celebrare Genova Capitale dello Sport 2024, oltre ad essere la parola chiave dell’evento: il  movimento interno all’organizzazione, che ha voluto crescere ed evolversi; il movimento verso altre aree del centro storico della città e l’inclusione di altre attività che non gravitano per forza intorno al distretto; e infine il movimento verso il mondo del design nazionale e internazionale, oltre al richiamo a Genova di tantissime star di architettura e design a livello internazionale”.   

Ancora una volta ci sarà tanto spazio per i giovani artisti: “Il percorso Under 35 è fondamentale per noi - continua a raccontare Rossetti -. I giovani rappresentano per noi l’espressione più vera e potente diucreatività e di capacità di adattamento e di cambiamento. Per questo abbiamo creato un percorso in cui avremo quaranta giovani designer che esporranno i loro progetti e prototipi”. 

Tra le novità di quest’anno ci sono due importanti iniziative che affiancheranno la Design Week: si tratta del Festival del Design e del Genova Design Award. “Il Design Festival è stato realizzato in collaborazione con la rivista Platform Architecture - aggiunge la presidente del Distretto - e consiste in tre incontri in diverse location del centro di Genova in cui Luca Molinari dialogherà con Michele De Lucchi, con Fabio Novembre e con Clara Bona, star del mondo dell’architettura. Tema delle chiacchierata sarà il design e la sua importanza nella vita e negli spazi urbani e privati”. Il tema del ciclo dei tre incontri è "Rifugi dell'Anima. 3 eventi, 3 progettisti, 3 visioni su come il design delle nostre case ci riflette e ci trasforma”. 

Il “Genova Design Award” si rivolge a studi di design, progettisti emergenti, università italiane e internazionali, senza vincoli di età, iscritti singolarmente o in team. Il premio, realizzato in collaborazione con, Camera di Commercio di Genova, Comune Di Genova, Università di Genova, Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per la città metropolitana di Genova e la provincia di La Spezia, ADI Liguria, Ordine degli Architetti e DAD, comprende anche il “Paolo Odone Special Award”, premio speciale in ricordo dell’ex presidente della Camera di Commercio di Genova e di Ascom Confcommercio Genova dedicato ai designer emergenti. 

Il Comune di Genova ha anche quest’anno fornito un supporto fondamentale all’iniziativa. “Ci aspettiamo tanta vita e tanta vivacità nel nostro centro storico - spiega l’assessora al Commercio Paola Bordilli -. Questa manifestazione vive e fa vivere le piazze e le vie,  ed è bello vedere come nel corso degli anni gli spazi siano sempre aumentati. Questo fa comprendere quanto i caruggi siano punto vivo essenziale di uno sviluppo sociale, culturale e commerciale, e mi piace ricordare che tante aree nel distretto sono nate anche grazie al bonus centro storico che ha aperto le porte a tante realtà che si occupano di design”. 

 

“Questi eventi sono fondamentali per il territorio, la città e per i nuovi insediamenti - spiega Daniele Pallavicini Presidente Ascom Confcommercio Giovani Imprenditori Genova -. La quinta edizione non ha solo portato un ulteriore innalzamento dell’asticella di questo evento che è stato promosso fin dall’inizio dalla Confcommercio di Genova nella persona del presidente Paolo Oddone che verrà ricordato con un premio speciale, ma abbiamo notato anche nuovi insediamenti nelle aree urbane in cui viene fatto questo evento e crediamo possa essere preso a livello nazionale come modello di promozione del territorio e turistica, perché il bello richiama il bello e la nostra città ha necessità di ripartire con una marcia in più con la valorizzazione dei nostri centri urbani e del centro storico” 

Il programma completo degli eventi è disponibile sul sito www.didegenova.it e nel file allegato all'articolo. 

I PERCORSI ESPOSITIVI

I percorsi espositivi saranno quattro per questa edizione, ognuno dedicato a un tema differente. Il primo, chiamato outdoor senza confini, è una riflessione sullo spazio esterno, pubblico o privato, con particolare riferimento ai nuovi modelli di progettazione del verde sostenibile, declinati secondo le diverse condizioni spaziali delle aree espositive. Genova città verticale per eccellenza presterà location inedite per raccontare come l’intervento progettuale possa declinarsi a seconda dell’ambiente, delle necessità funzionali e delle risorse disponibili. I percorsi si articoleranno all’interno di androni e cortili, terrazze private e piazze storiche. 

Ognuna di queste situazioni sarà la sintesi del lavoro di progettisti, espositori e vivaisti configurando soluzioni specifiche e innovative per ogni tema. Durante la Genova BeDesign Week gli spazi saranno scenario di conferenze, laboratori, concerti e performance pensati in commistione con la specificità degli allestimenti. 

 

Il secondo tema, viaggio sensoriale alla scoperta degli interni, dove la casa diventa una tela espressiva e avvolgente. Un ponte tra i progettisti e gli appassionati di design che fornisce ispirazione e informazioni sulle ultime tendenze e innovazioni nel settore delle finiture degli interni. 

 

Il terzo tema, i container, prevede percorso espositivo itinerante che vuole comunicare l’idea del “contenitore”, come involucri che racchiudono oggetti, sensazioni e pensieri e dove l’Interior Design si possa esprimere senza costrizioni e il progettista possa ricreare la propria personale espressività, una mostra espositiva che in una città di mare come Genova trova il suo milieu ideale, il container: oggetto che evoca viaggi, grandi distanze ma che rappresenta soprattutto un “contenitore” come involucro che racchiude oggetti, sensazioni e ispirazioni.  Lo strumento d'eccellenza del trasporto merci si trasforma, sotto l'egida dell'ideatore e curatore Massimiliano Dalle Sasse, architetto e fondatore di DLA design Lab, nel teatro di un viaggio nell'opera di progettisti d’interni contemporanei, in uno spazio inatteso di riflessione inserito nella quotidianità urbana.  L’esposizione, che si basa sulla loro decontestualizzazione, li vedrà collocati in Piazza San Lorenzo e Piazza Matteotti, punti cruciali e centrali per Genova legandone, idealmente, ogni realtà. Un abbraccio simbolico per creare una mostra collettiva a cielo aperto. Tutto ciò è stato reso possibile grazie al supporto dello sponsor tecnico C. Steinweg Group che ha accolto con entusiasmo lo spirito del design in movimento e reso possibile la fornitura dei container.

 

Quarto e ormai cavallo di battaglia, designer under 35, flussi creativi, il contest curato da Laura Palazzini dello studio a4 architetti associati, un progetto pensato per le persone e dedicato alle persone, in particolare ai giovani designer.  Esporranno, dopo una selezione effettuata dal comitato scientifico di 65 proposte, oltre 40 designer provenienti da tutto il territorio nazionale con 37 progetti selezionati dal comitato scientifico composto da ADI Liguria, Università di Genova Dipartimento di Architettura e Design e l’Ordine degli Architetti di Genova. Le sedi espositive sono 20 che verranno segnalate con apposite matite di legno alte 250 cm realizzate a testa in giù da una delle ultime tornerie artistiche di Genova e colorate dalla Falegnameria Sociale utilizzando i colori dello sponsor tecnico Boero. Il comitato scientifico, formato da Università, ADI, Ordine degli Architetti e il DiDe, selezionerà cinque designer “vincitori” che avranno anche la possibilità di esporre i loro progetti e prototipi nel Museo del Design di Milano. Per una settimana saranno ospiti della struttura, che dedicherà loro una presentazione nel foyer.  

Nell’ambito della stessa selezione i progetti meritevoli verranno anche segnalati ad aziende del settore e riconosciuti con i premi di Afis, main sponsor Genova BeDesign Week.

 

 

IL FESTIVAL DEL TEMPO E GLI ALTRI APPUNTAMENTI

Torna anche per questa edizione il Festival del Tempo, proponendo tre progetti altamente significativi che rappresentano perfettamente il tema della kermesse genovese e del festival, incentrati sulla fluidità, sul movimento, sulle trasformazioni di una società in continua evoluzione. Da mercoledì 22 a domenica 26 maggio, all’interno del Complesso di Santa Maria di Castello, cuore del Distretto del design, il percorso progettuale, a cura di Roberta Melasecca, si snoda attraversando le visioni di due sistemi generazionali a confronto: il progetto installativo inedito di Ugo La Pietra, uno dei più iconici designer italiani internazionali, e il progetto site specific di Sara Ciuffetta, giovane artista emergente. 

Sabato 25 alle ore 15,00 in Piazza San Lorenzo, The Bamboo DialoguesIn un mondo di cambiamenti climatici e di crisi ecologica in corso, potrebbe l’eroe non celebrato, il bamboo, venire in nostro soccorso?... Introduzione del documentario da parte dell'architetto Johan Granberg, regista e produttore, dell'architetto Mauricio Cardenas Laverde pioniere dell'architettura in bambù in Italia e di Lorenzo Bar, presidente dell'Associazione Italiana Bambù. Documentario completo (Oltre 80 min.)

Tra gli eventi per la sezione designer da segnalare anche Pianca Day, in programma giovedì 23 maggio alle ore 10, mentre venerdì 24 maggio, alle ore19, al via l’evento Mobilia x Moroso presenta MAfrique, un dialogo tra l'artigianato africano e i migliori designer al mondo con la partecipazione di Patrizia Moroso e Abdou Salam Gay. Ricco anche il programma Outdoor con la conferenza a cura di Marta Carraro che venerdì 24 maggio propone due appuntamenti, rispettivamente alle ore 10 e 14.30, dal titolo Lightmaking e Palcemaking: tema, reimmaginare e reinventare lo spazio pubblico. Luce, progettazione, creatività: nascita, sviluppo e idee illuminanti per gli spazi pubblici.

Files:
 Programma GBDW 24 (167 kB)

Chiara Orsetti

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A GIUGNO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium