/ Cronaca

Che tempo fa

Cerca nel web

Cronaca | mercoledì 13 giugno 2018, 15:13

Lavagna: madre e figlio nei guai per 50 grammi di marijuana

I poliziotti hanno trovato il giovane in possesso di una piccola quantità di cannabis, ma una volta giunti in casa per la perquisizione la madre del fermato ha tentato di nascondere agli agenti altra "erba" del figlio

Lavagna: madre e figlio nei guai per 50 grammi di marijuana

Mentre i poliziotti erano impegnati in un servizio di pattugliamento del territorio in borghese in via Buenoas Aires a Lavagna hanno notato la presenza di un ragazzo di 18 anni, recentemente sorpreso a spacciare cannabis, e hanno deciso di sottoporlo ad un controllo per vedere se stava rigando dritto, o se fosse ricaduto nelle vecchie abitudini.

Il giovane, residente nei paraggi, ha subito mostrato un certo nervosismo, giustificato da 2 grammi di marijuana che nascondeva negli indumenti intimi. I poliziotti hanno dato un'occhiata a cellulare del ragazzo, da cui hanno osservato una fitta rete di messaggi whatsapp con cui il sospetto si accordava con svariate persone per incontri dallo scopo non chiarito: visto il carteggio sospetto gli genti hanno deciso di fare un salto a casa del ragazzo, dove hanno trovato sua madre.

Una volta sulla porta il giovane, consapevole di rischiare grosso, ha avvisato la madre con un urlo di essere in compagnia delle forze dell'ordine, che appena entrate in casa hanno potuto verificare come in bagno si stesse ancor ricaricando il serbatoio dello sciacquone, e nella tazza galleggiasse una confezione di cellophane contenente 1 grammo di cannabis; una perquisizione dell'abitazione ha rivelato la presenza di ulteriori 50 grammi di stupefacente già suddivisi in piccole dosi e 110 euro in contanti di provenienza presumibilmente illecita. Il ragazzo è stato arrestato con l'accusa di spaccio, mentre la madre è stata denunciata per concorso nello stesso reato.

 

RG

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore