/ Politica

Politica | 12 dicembre 2018, 16:25

Lunardon e Rossetti sulla vertenza Piaggio: "Pagamenti ai lavoratori e incontro urgente al ministero"

I due consiglieri regionali del Partito Democratico chiedono al governo di far chiarezza sul futuro del gruppo industriale e dei suoi dipendenti. Questa mattina Lunardon e Rosstti hanno manifestato a fianco dei lavoratori

Lunardon e Rossetti sulla vertenza Piaggio: "Pagamenti ai lavoratori e incontro urgente al ministero"

I consiglieri regionali del partito Democratico Giovanni Lunardon e Pippo Rossetti hanno partecipato questa mattina alla manifestazione indetta dai lavoratori e dalle di Piaggio Aero davanti alla prefettura di Genova.

"Oggi eravamo in piazza al fianco dei lavoratori di Piaggio Aerospace, per chiedere il pagamento degli stipendi di novembre, cosa che, per fortuna, pare si sia sbloccata. La mobilitazione dei dipendenti dell’azienda ha sicuramente concorso ad accelerare questo esito e non possiamo che esserne soddisfatti - scrivono in una nota stampa i due esponenti Pd -. Ma dopo questo primo passo l’obiettivo più importante è capire quale sarà il futuro di Piaggio e cosa intenda fare il Governo con i 766 milioni di euro che erano stati stanziati per la commessa del ministero della Difesa e che ormai sembra perduta. Il Mise deve convocare un incontro al più presto, dopo i rinvii dei giorni scorsi: non possiamo correre il rischio che si vada a dopo le vacanze di Natale. È inaccettabile che un’azienda fondamentale per la Liguria e l’intero Paese, con 1100 lavoratori, non sappia quale sia il suo destino. Serve un piano di rilancio industriale di Piaggio che finanzi lo sviluppo e la realizzazione dei droni progettati dall’azienda. Per farlo occorre mettere in campo i 766 milioni che erano stati previsti per la commessa che questo Governo ha fatto sfumare".

"Di solito le crisi aziendali nascono per problemi che riguardano il prodotto, il mercato o le risorse economiche. Nel caso di Piaggio però c’erano il prodotto (il drone), il mercato (quello italiano e quello arabo) e le risorse (i 766 milioni stanziati dal Governo precedente). Quindi è incredibile ciò che è avvenuto in questi mesi - concludono Lunardon e Rossetti - L’esecutivo Lega-5 Stelle, bloccando inspiegabilmente la commessa del drone, è riuscito a mettere in ginocchio un’azienda che funzionava e in cui lavorano 1100 persone".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium