/ Innovazione

Innovazione | 03 luglio 2019, 18:38

Open Genova e Comune insieme per la digitalizzazione (VIDEO)

L'assessore Arianna Viscogliosi: "L'accesso ad internet e l'uso delle tecnologie digitali sono oggi elementi di conoscenza fondamentali per consentire a tutti l'uguaglianza nei diritti esercitabili online"

Open Genova e Comune insieme per la digitalizzazione (VIDEO)

Si è conclusa il 20 giugno scorso la seconda edizione di Genova Digitale il progetto ideato e realizzato da Open Genova con il patrocinio del Comune che quest'anno ha visto il sostegno economico del Banco BPM. L'obiettivo è promuovere la cultura del digitale e diminuire il digital divide tra i genovesi. Infatti, secondo il DESI 2019 (Indice di Digitalizzazione dell'Economia e della Società) tre persone su dieci non utilizzano ancora Internet abitualmente e più della metà della popolazione non possiede competenze digitali di base.

"L'accesso ad internet e l'uso delle tecnologie digitali sono oggi elementi di conoscenza fondamentali per consentire a tutti l'uguaglianza nei diritti esercitabili online. I corsi di Open Genova, patrocinati dal Comune di Genova - dichiara l'assessore Arianna Viscogliosi - così come quelli di ClickEasy organizzati e svolti dal Comune stesso nel corso di questo anno e del prossimo, mirano proprio a garantire alla cittadinanza l'inclusione nei benefici del progresso tecnologico e dell'innovazione".

L'impegno del Comune per la digitalizzazione nelle parole dell'assessore Viscogliosi:

I corsi realizzati da Open Genova con il patrocinio del Comune spiegati da Enrico Alletto:

 

1 mese di incontri per 10 sessioni in diverse zone della città, ospitati nelle sedi delle associazioni no profit che hanno accettato di far parte del progetto.

200 persone hanno preso parte al corso "App utili in città" partecipando attivamente con domande e suggerimenti. Attraverso la compilazione di un questionario da parte degli utenti sono state raccolte alcune informazioni utili.

I contenuti dei corsi raccontati dal presidente di Open Genova, Pietro Biase:

Alcuni dati: 60% dei partecipanti al di sopra dei 65 anni, mentre il 4% sotto i 25 anni. Solo il 31% dei partecipanti ha dichiarato almeno una delle cinque app presentate.

 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium