/ Attualità

Attualità | 11 agosto 2019, 17:06

“Turn Around Rec”, l’iniziativa sostenibile che pulisce le spiagge italiane è partita da Genova

Due ragazze su quattro ruote e una sola missione: litorali puliti e niente più plastica (FOTO)

“Turn Around Rec”, l’iniziativa sostenibile che pulisce le spiagge italiane è partita da Genova

Si chiama “Turn Around Rec” l’iniziativa che vuole ripulire le spiagge (ma non solo) dello Stivale ed è - letteralmente - partita da Genova. La missione di Chiara Ferretti e Rachele Amelia, le due genovesi ideatrici del progetto, è quella di percorrere l’Italia da nord a sud, alla scoperta delle meraviglie del Bel Paese, ripulendo dai rifiuti - specialmente dalla plastica - il maggior numero di coste, sentieri e parchi naturali.

Il progetto sta avendo un notevole seguito sui canali social, dove le ragazze stanno documentando attraverso fotografie, video e racconti, il loro viaggio dalla nobile missione sostenibile. 

L’iniziativa prese il via proprio dalla Liguria: nel mese di maggio, infatti, le ragazze hanno partecipato alla pulizia organizzata delle spiagge di Sturla e Vernazzola, dove in sole due ore, con la collaborazione di 130 volontari, sono stati raccolti 1167 tessuti, 10 scarpe e suole, 6327 mozziconi di sigarette, 4500 frammenti di plastica, 1229 polistirolo, 500 ferraglia, 120 bottiglie e 464 sacchetti di plastica.

Il viaggio, tuttavia, ha avuto inizio il 28 luglio proprio per sfruttare la stagione estiva, periodo di maggiore affluenza su spiagge e luoghi naturali. “Chi ci conosce sa bene che non siamo molto brave a programmare viaggi, o meglio, non ci piace proprio - spiegano Chiara e Rachele sui canali social del progetto - L’idea è quella di girare un po’ d’Italia, partendo dalla Liguria, la nostra regione, per poi andare verso sud. Racconteremo le storie delle persone che incontreremo, andando alla scoperta del nostro paese e raccogliendo i rifiuti plasticosi (e non) che troveremo lungo spiagge, parchi e sentieri”.

“Possiamo dire che è stata un'idea positiva a farci risvegliare dal letargo che ancora in molti hanno nei confronti della cura dell'ambiente. Il blog "Il Polo Positivo" a fine marzo ha organizzato un evento invitando diverse associazioni del territorio genovese e non e alcune di queste si occupano proprio di sensibilizzare sulle questioni di tutela dell’ambiente marino (worldrise). Da quell'evento, questa tematica, che già piano piano ci aveva incuriosite, ci ha pervase completamente”. Così ci raccontano le ragazze sulla nascita del progetto Turn Around Rec.

“Abbiamo pensato a come fare la nostra parte non cambiando la nostra natura. Così - spiegano - le idee sono uscite una dietro l'altra durante un viaggio in treno. "Cosa ci piace fare? ci siamo chieste. Viaggiare, conoscere persone nuove, condividere con loro esperienze e raccontarle. Cosa che abbiamo voluto unire alla cura dell'ambiente. Così abbiamo deciso: sì viaggerà per l'Italia, programmando il meno possibile e si puliranno le spiagge, i parchi e in generale i luoghi in cui capiteremo."

“In questo momento ci troviamo a metà del nostro viaggio. Abbiamo attraversato il versante tirrenico passando per Liguria, Toscana e Lazio fermandoci in più di 12 tra paesi e cittadine. Ora siamo in Abruzzo e a breve ritorneremo verso casa questa volta passando per il versante adriatico”. 

“Per ora - continuano - il posto che abbiamo trovato più sporco è stato un fazzoletto di spiaggia di non più di 50 metri a Ladispoli. In due ore e con l’aiuto di altre tre persone (di cui due bambini) abbiamo raccolto più di 1500 mozziconi di sigarette, una cinquantina di bottiglie di vetro sia intere che rotte, siringhe, plastica di ogni genere, carte di caramelle, tessuti, bottiglie di plastica, suole di scarpe e ciabatte da mare. Ci auguriamo di non imbatterci più in posti così abbandonati ma di incontrare ancora tante persone come quelle conosciute a Ladispoli che aspettano solo di poter indossare i guanti e ripulire il proprio ambiente”. 

“Ci sentiamo di specificare che quello che stiamo portando avanti è un viaggio a tutto tondo, in cui l’effettivo impatto delle nostre azioni può risultare piccolo, 4 mani e 4 occhi non potranno mai ripulire le spiagge di tutta Italia, ma quello che stiamo notando è che le persone vengono sensibilizzate dal nostro esempio. Visto il periodo, ci capita spesso di pulire le spiagge quando sono colme di persone e questo è utile perché spesso ci fermiamo a parlare, a raccontare del nostro progetto”.

“Un’altra cosa bella che ci sta capitando è che diverse persone che stanno seguendo la nostra avventura ci hanno invitato nelle loro città per pulire insieme una spiaggia. Mettendoci letteralmente le mani questa esperienza ci sta facendo rendere conto di quanto sia effettivamente reale il problema e di quanto generalmente sia sottovalutato”.

Ecco alcuni dei luoghi che sono stati ripuliti dal passaggio di Turn Around Rec: Viareggio, Siena, San Gimignano, Castiglione della Pescaia, Ladispoli, Sperlonga, Camosciara e Vasto.

Segui il progetto sui profili social e scopri dove sono arrivate Chiara e Rachele: Instagram e Facebook.

Giovanna Vittoria Ghiglione

Ti potrebbero interessare anche:
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium