/ Cronaca

Cronaca | 21 ottobre 2019, 08:37

Maltempo, convergenza di Tramontana e Scirocco: rischio temporali autorigeneranti a Genova

Il caldo della notte è un segnale negativo: il mix di Scirocco e Tramontana e l’elevata energia in gioco quest’oggi, potrebbe generare lo “scoppio” di un violento temporale autorigenerante

Maltempo, convergenza di Tramontana e Scirocco: rischio temporali autorigeneranti a Genova

Questa mattina di lunedì 21 Ottobre, sono sicuramente i temporali e le temperature molto miti a stupirci: dopo una nottata veramente molto calda con temperature che a Genova hanno raggiunto anche i 22,5°C in piena notte, i valori sono scesi di 5-6°C al passaggio del forte temporale di questa notte, grazie al rinforzo dei venti di tramontana.

Sul Ponente sta uscendo addirittura qualche occhiata di sole, mentre a Levante sta rinforzando lo scirocco dallo Spezzino sin verso il Tigullio.

Questo è un segnale negativo per Genova in quanto si sta per generare una convergenza tra i venti freschi di tramontana e il caldo vento di scirocco. Il mix esplosivo e l’elevata energia in gioco quest’oggi, potrebbe generare lo “scoppio” di un violento temporale autorigenerante (anche stazionario) su Genova.

La cellula temporalesca che ha interessato questa notte il ponente ligure e stamattina presto il centro-levante ligure non è ancora “spompata”. Infatti dopo aver raggiunto la località di Lavagna ha improvvisamente cessato la sua naturale evoluzione verso levante (causa forti venti sciroccali sullo Spezzino) e ha sostato per oltre 1 ora sul medio-levante e relativo entroterra (scaricando quantitativi importante nelle valli interne).

Il rinforzo dello scirocco ha favorito l’inversione di rotta della cellula temporalesca che sta tornando nuovamente verso Genova. In questo momento si trova ancora sul promontorio di Portofino, ma sul capoluogo potrebbe poi instaurarsi una convergenza (tra tramontana e scirocco) favorendo la costituzione di un temporale autorigenerante.

I forti temporali autorigeneranti posso creare disagi e problemi quando risultano stazionari o semi-stazionari per qualche ora sempre sulle stesse vallate o località, favorendo incessanti precipitazioni sempre sulle stesse aree e mettendo in stress idrico tutto il bacino interessato.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium