/ Politica

Politica | 03 dicembre 2019, 08:15

Viabilità a Pegli, l’assessore Campora: “Farò un sopralluogo di persona”

Impegno da parte del rappresentante della Giunta Bucci, dopo i problemi di sicurezza emersi in via della Maona e dopo il caso delle ambulanze bloccate. Ariotti (Lega): “Limitare i disagi al minimo e per il minor tempo possibile”

Viabilità a Pegli, l’assessore Campora: “Farò un sopralluogo di persona”

Lavori al sovrappasso ferroviario di Pegli, deviazioni del traffico e ambulanze bloccate: il caso arriva in Consiglio Comunale. Nel corso dell’ultima seduta in Sala Rossa, a Palazzo Tursi, è stata discussa un’interrogazione a risposta immediata (ex articolo 54) proposta dal consigliere comunale della Lega, Fabio Ariotti.

L’esponente del Carroccio ha chiesto chiarimenti e rappresentato le difficoltà dei pegliesi, in queste ultime settimane. Il nodo, come ha scritto anche ‘La Voce di Genova’ di recente, sono soprattutto i mezzi di soccorso della Croce Verde Pegliese che, appena usciti dalla loro sede, si trovano subito imbottigliati nel traffico, perdendo spesso minuti preziosi.

Emergenza… nell’emergenza, quindi. Secondo Ariotti, “ci sono dei problemi di sicurezza, dal momento in cui il traffico è stato spostato in altre vie. Una delle problematiche principali è in via della Maona, dove è stata dirottata buona parte del traffico, compresi alcuni autobus delle linee collinari. La carreggiata è molto stretta e, quando passa il bus, le persone sui marciapiedi devono stare veramente molto attente. C’è una delicata questione di sicurezza e invito gli assessori a fare un sopralluogo, affinché se ne possano rendere conto”.

Altro problema, si diceva, quello delle ambulanze: “Hanno troppa difficoltà a uscire e a immettersi nella strada principale, per andare a operare sul territorio. Chiedo quanto tempo ci vorrà ancora per la fine dei lavori, per risolvere definitivamente i problemi sia di traffico che di sicurezza”.

A rispondere ad Ariotti, l’assessore comunale con delega alla Mobilità, Matteo Campora: “Come noto, questo intervento si è reso necessario per migliorare la statica del sovrappasso di via Martiri della Libertà. Non era più possibile rinviarlo. Si tratta di un lavoro importante perché evita che nel futuro ci possano essere problemi di incolumità pubblica, lungo un asse ferroviario fondamentale per la nostra regione. La scorsa settimana abbiamo avuto un incontro con Ferrovie e con l’assessore regionale Giovanni Berrino per fare un cronoprogramma degli interventi, che vengono attuati limitando al minimo le giornate di interruzione del traffico ferroviario. Si procederà con la massima celerità, sia per garantire un adeguato trasporto ferroviario, sia per limitare al minimo gli importanti disagi che subisce la delegazione di Pegli. Si tratta si problemi vari: un sistema di raccolta rifiuti che è modificato, i capolinea dei bus spostati, una modifica della gerarchia delle precedenze tra via Longo e via Garelli. Sono disponibile a fare un accesso il loco per verificare se sia possibile apportare ulteriori migliorie rispetto a quelle già identificate dalla Direzione Mobilità. Chiediamo naturalmente ai residenti di Pegli di avere pazienza per un intervento fondamentale per la città e vigileremo affinché il cantiere proceda nel tempo più rapido possibile”.

Al momento, si va avanti secondo la tabella. Ecco quanto c’è da sapere sul cronoprogramma dei lavori.

 

I tempi

Le fasi di lavorazione per la costruzione del nuovo sovrappasso saranno sette in tutto e prevedranno parziali chiusure della circolazione ferroviaria. Fase 01: Predisposizione per spostamento sottoservizi a cura Ireti (fatta). Fase 02: Varo passerella pedonale provvisoria a cura Rfi (nella spalla di Levante dell’attuale manufatto, fatta). Fase 03: Spostamento sottoservizi su passerella pedonale a cura Ireti. Fase 04: Demolizione del sovrappasso esistente a cura Rfi. Anche qui, sarà necessaria la sospensione della circolazione ferroviaria dalle 15 del 26 dicembre alle 5 del 30 dicembre, per un totale di ottantasei ore. Fase 05: Consolidamento delle spalle e costruzione dei nuovi appoggi a cura Rfi. Fase 06: Varo del nuovo sovrappasso a cura di Rfi. In corso di definizione i tempi di sospensione della circolazione ferroviaria. Fase 07: Posizionamento sottoservizi, finiture e completamento a cura Ireti e Rfi.

 

Chiusure al traffico

Il sovrappasso resterà chiuso al traffico veicolare sino al prossimo 31 maggio del 2020, data indicata come fine dei lavori. I percorsi alternativi utilizzati sono quelli già in uso da Amt ed Amiu. Non occorrono variazioni ai sensi di marcia. Sono stati inseriti tre cartelli di avviso di viabilità alternativa per la direzione monte.

 

Chiusure pedonali

Durante la fase di spostamento dei sottoservizi, il transito pedonale sul sovrappasso sarà comunque garantito. Resterà invece interdetto il transito pedonale durante la fase di varo della passerella provvisoria, per ragioni di sicurezza. Chiusura al transito pedonale anche durante le operazioni di demolizione del vecchio sovrappasso. Sarà sempre previsto l’attraversamento di via Martiri, per assicurare l’accesso ai locali commerciali.

 

Parcheggi

Durante tutta la durata dei lavori, il parcheggio dietro alla stazione ferroviaria, quello nei pressi del binario 2, è notevolmente ridotto. Sono state create quattro aree: rossa, per l’assemblaggio e la costruzione degli impalcati; verde, per la movimentazione e la sosta dei mezzi di cantiere e lo stoccaggio dei materiali; gialla, da lasciare libera per consentire il transito dei mezzi di cantiere; blu, utilizzabile per i parcheggi da parte della cittadinanza.

 

Via de Nicolay

Il sovrappasso di via de Nicolay è anch’esso da sostituire. Ma questo cantiere, che spetterà direttamente ad Aster, è per il momento previsto in una seconda fase, una volta ultimato quello principale relativo al manufatto di via Martiri della Libertà.

 

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium