/ Politica

Politica | 20 febbraio 2020, 13:55

Ente bacini, Salvatore (M5S): "Si mettano in sicurezza nell'interesse pubblico, no alla privatizzazione"

"L’autorità di sistema portuale intende privatizzare quegli spazi pubblici che pure lavorano a pieno regime"

Ente bacini, Salvatore (M5S): "Si mettano in sicurezza nell'interesse pubblico, no alla privatizzazione"

"Mi giunge notizia che i bacini 4 e 5 di ente bacini - dichiara la capogruppo regionale e candidata M5S alla presidenza di Regione Liguria Alice Salvatore - siano gravemente ammalorati e richiedano una messa in sicurezza dal costo milionario: l’autorità di sistema portuale intende privatizzare quegli spazi pubblici che pure lavorano a pieno regime; il pericolo è che esegua i lavori di sistemazione con un costo enorme a carico del pubblico, e quindi accollandolo ai cittadini, per poi consegnare al privato i bacini funzionanti e fonte di lavoro per disparate aziende di riparazioni navali, facendo così capitalizzare una fortuna a quei pochi privati che ci metterebbero le mani creando di fatto un monopolio".

"Questo progetto non può essere portato avanti, – prosegue Salvatore – non si possono spendere soldi pubblici per lavori di messa in sicurezza per poi darli a privati che si ritroverebbero così esclusivamente ad incassare i profitti: è un metodo già visto troppe volte in passato. Mi oppongo a questa ulteriore sopraffazione dei cittadini liguri, è dunque imprescindibile sapere se i lavori di messa in sicurezza saranno o meno a carico del privato o se, comunque, avranno un peso nella determinazione del canone concessorio attraverso una rivalutazione del valore dei bacini di carenaggio che rappresentano un asset strategico per lo sviluppo economico e portuale di Genova e, come tali, devono rimanere in mani pubbliche".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium