/ Eventi

Eventi | 14 gennaio 2019, 11:25

In Liguria la Settimana Nazionale dei lasciti AISM, dal 21 al 27 gennaio

7 giorni di incontri sui lasciti testamentari: due appuntamenti il 24 gennaio a Genova e il 26 gennaio a Savona

In Liguria la Settimana Nazionale dei lasciti AISM, dal 21 al 27 gennaio

Parte la Settimana Nazionale dei Lasciti promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla e dalla sua Fondazione con il patrocinio e la collaborazione del Consiglio Nazionale del Notariato .

Anche in Liguria si terranno incontri con i notai, un’opportunità unica per approfondire il tema delle successioni testamentarie e scoprire come, attraverso un lascito solidale, sia possibile dare un futuro alla ricerca scientifica sulla sclerosi multipla. Tutte le informazioni in materia di lasciti anche su www.aism.it/lasciti e per tutta la settimana un Numero Verde dedicato 800.094464.  

Si rinnova l’appuntamento con la Settimana Nazionale dei Lasciti promossa dall’Associazione Italiana Sclerosi Multipla con la collaborazione e il patrocinio del Consiglio Nazionale del Notariato, da anni vicino ad AISM con la concessione del proprio patrocinio alle campagne lasciti. 

In Liguria due appuntamenti, a Genova il 24 gennaio ore 17 presso la Biblioteca Berio in via del Seminario 16 e a Savona, il 26 gennaio alle ore 16,30 presso la Sala Rossa del Comune  in Corso Italia 19, per sensibilizzare, informare e soprattutto offrire un servizio di consulenza in materia successoria. Sostenere con una disposizione testamentaria l’Associazione Italiana Sclerosi Multipla e la sua Fondazione significa dare un futuro alla ricerca scientifica per trovare la causa della SM e la cura definitiva e garantire oggi una buona qualità di vita, dichiarano da AISM. 

La sclerosi multipla è  una grave malattia del sistema nervoso centrale, cronica, imprevedibile e spesso progressivamente invalidante. Nel nostro paese si registra una nuova diagnosi ogni 3 ore. Colpisce per lo più i giovani sotto i 40 anni e le donne. Il 10% della popolazione colpita non ha ancora compiuto 18 anni. La SM in età pediatrica si manifesta in un momento di piena crescita delle funzioni cerebrali, portando all’insorgenza di problemi cognitivi e di disabilità fisica. 

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium