/ Cronaca

Cronaca | 05 luglio 2019, 08:53

Demolizione Morandi: chiesto indennizzo per case danneggiate da implosione

Alcune famiglie denunciano crepe su muri e soffitti nelle case che distano 250 metri dal punto di implosione delle pile 10 e 11

Demolizione Morandi: chiesto indennizzo per case danneggiate da implosione

Sarebbero almeno 3 le famiglie che, a seguito della demolizione con esplosivo delle pile 10 e 11 del Ponte Morandi lo scorso 28 giugno, hanno chiesto il risarcimento per danni subiti alle proprie abitazioni.

Si tratta di appartamenti che si trovano in palazzi distanti circa 250 metri dal punto di implosione e che presenterebbero crepe su muri e soffitti.

La Struttura Commissariale ha precisato che tutte le attività di demolizione svolte in data 28 giugno 2019 da SIAG S.r.l, sono di esclusiva responsabilità del raggruppamento temporaneo d’impresa ATI demolitori, cui spetta, come da contratto del 18 gennaio 2019, l’obbligo di garantire la perfetta esecuzione dei lavori, condotti anche dalle imprese subappaltatrici.

Chi ritiene di aver subito danni a seguito della demolizione delle pile 10 e 11 può inviare ogni tipo di richiesta a: 
ominispa@legalmail.it(link sends e-mail) mettendo per copia conoscenza segreteria@commissario.ricostruzione.genova.it 

Le richieste dovranno essere corredate da almeno due fotografie e avanzate dal soggetto che ritiene di aver subito danno.  

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium