/ Attualità

Attualità | 02 agosto 2019, 09:20

Crollo Ponte Morandi, i periti: "difetti esecutivi e corrosione per mancanza di manutenzione"

I periti del gip indicano come prova "regina" il reperto 132, in cui i tiranti sarebbero stati fortemente corrosi

Crollo Ponte Morandi, i periti: "difetti esecutivi e corrosione per mancanza di manutenzione"

"Difetti esecutivi"  e "mancanza di interventi di manutenzione significativi" scrivono i periti del gip Angela Nutini sul Ponte Morandi nella relazione del primo incidente probatorio.

E poi c'è il reperto 132, considerato la prova "regina": riguarda l'ancoraggio dei tiranti sulle sommità delle antenne del lato Sud, che avrebbe ceduto per "uno stato corrosivo di tipo generalizzato di lungo periodo, dovuto alla presenza di umidità di acqua e contemporanea presenza di elementi aggressivi come solfuri, derivanti dello zolfo, e cloruri".

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium