/ Cronaca

Cronaca | 17 gennaio 2020, 11:33

Malcalza chiede i danni a Carige, Fitd, Ccb per l'operazione di aumento capitale di 700 mln

L'operazione era partita grazie alla determinante assenza dell'allora primo azionista Carige: il risarcimento chiesto ammonta a 480 milioni di euro

Malcalza chiede i danni a Carige, Fitd, Ccb per l'operazione di aumento capitale di 700 mln

Genova - 480 milioni di risarcimento danni, questa la richiesta di Malcalza a Banca Carige, Fondo Interbancario di tutela dei depositi, anche con lo Schema volontario e alla trentina Cassa centrale banca per il riassetto realizzato con l'aumento di capitale da 700 milioni votato all'assemblea di settembre.

Scadeva oggi il termine utile per chiedere risarcimenti e impugnare la delibera dell'assemblea che il 20 settembre ha approvato la ricapitalizzazione, rispetto alla quale peràò non sarebbe arrivata una richiesta di sospensiva.

Il via libera all'operazione era avvenuto con l'assenza determinante dei Malacalza, che prima dell'aumento erano il primo azionista della banca con il 27,7% e sono stati diluiti oggi a poco più del 2% del capitale.

Oggi Carige fa capo per quasi l'80% al Fitd (e Svi), Ccb ha l'8,3%, oltre ad avere in base all'accordo quadro sottoscritto con Fitd e Svi diritti per acquistarne a sconto la quota. Per il momento nessuna de3lle parti conivolte ha rilasciato dichiarazioni, tranne il Fondo Interbancario che ieri ha negato l'esistenza della causa.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium