/ Attualità

Attualità | 10 maggio 2020, 14:00

Cance, nuovo singolo in uscita il 15 maggio e poi l’album completo

La cantautrice di Lavagna, premiata nel concorso ‘Musica contro le mafie’ ed ospite a Casa Sanremo, centra un altro traguardo con ‘Sakura’: “Mi riapproprio delle mie sonorità tradizionali: il pop e l’r’n’b”

Cance, nuovo singolo in uscita il 15 maggio e poi l’album completo

Qualche giorno fa, sulla terrazza di palazzo Franzoni, Giulia Cancedda è apparsa a fianco del sindaco di Lavagna, Gian Alberto Mangiante, per interpretare una bellissima versione di ‘Bella ciao’ in occasione delle commemorazioni per il 25 aprile. È stato un momento musicale e civile molto toccante, e assai gradito non solo dalla popolazione, ma pure da tutto il pubblico dei social network. Ed è stato bello, soprattutto, scoprire che, anche al di là dell’importante celebrazione storica, Giulia Cancedda c’è, non ha mai appeso la sua chitarra al chiodo, neppure in questo periodo di emergenza sanitaria e, anzi, ha continuato con la stessa energia e lo stesso entusiasmo a portare avanti i suoi progetti.

Doveva essere un anno grandioso, il 2020, e così era appunto iniziato: con un passaggio a Casa Sanremo, dopo esser stata protagonista del concorso nazionale ‘Musica contro le mafie’ proposto dall’associazione Libera, e con l’uscita prevista di un album di inediti, finanziato per gran parte anche grazie a un generoso crowdfunding assicurato dai suoi molti fan e da tantissimi amici. Poi, è arrivata una situazione imprevista, alla voce coronavirus: ma quando ci sono passione, spirito e creatività, il flusso di energia può solo esser rallentato, giammai fermato. E così, ecco che il 15 maggio uscirà il nuovo singolo di Giulia, che ha scelto da un paio d’anni a questa parte il nome d’arte di Cance. “Dopo il buon successo di ‘Conosci?’ e del relativo video, girato nella Baia del silenzio di Sestri Levante, sono andata avanti - racconta la simpatica cantautrice lavagnese - a scrivere nuove canzoni. Poi, ho partecipato all’iniziativa della piattaforma Eppela, che è legata a Poste Italiane. Arrivando a raccogliere una cifra di duemila e seicento euro, ne ho ricevuti altri duemila come bonus, quindi ho avuto la possibilità di condurre avanti un progetto discografico completo”.

Il disco d’inediti, un sogno che Giulia aveva da moltissimi anni. Il talento, invece, quello non le è mai mancato: ha studiato e lavorato a Londra, ha avuto moltissime esperienze, ha frequentato ambienti musicali assai stimolanti e da alcuni anni insegna stabilmente canto, a livello professionale, presso diverse scuole di Milano e di Vercelli. Non è semplice vivere di musica, ma Cance sta riuscendo, in maniera encomiabile, a ritagliarsi il suo spazio. Il singolo, il cui titolo è ‘Sakura’, come il nome giapponese dell’albero di ciliegio, è seguito, come promozione e comunicazione, dall’etichetta Pioggia rossa dischi di Genova. “Seguirà l’album completo. Poi, per suonare dal vivo, temo che purtroppo dovremo aspettare. Ma, intanto, mi era sembrato che fosse giunto il momento di far conoscere il mio lavoro. È un disco nel quale mi riapproprio delle mie sonorità tradizionali, ovvero quelle che mi sono più congeniali e che fanno parte del mio repertorio: il pop e l’r’n’b”.

Intanto Cance è stata molto acclamata nei giorni scorsi grazie al video-documentario che è stato realizzato a Sanremo e che consisteva, di fatto, nel suo premio nell’ambito di ‘Musica contro le mafie’, dove si è classificata prima nella sezione under 35. Il filmato, della durata di quindici minuti, nasce da un’idea di Gennaro De Rosa ed è stato realizzato da Giovanni Stefano Rodia e dalla sua troupe. È un lavoro molto interessante, anche perché, grazie alla tecnica dello storytelling tanto cara all’ambiente musicale (proprio qui è nata) si raccontano gli inizi della carriera di Giulia, i suoi studi, le sue trasferte all’estero, le esibizioni in strada, sino ad arrivare ai palchi di Cosenza e di Sanremo. E ora? “Speriamo di completare al più presto le parti vocali che mancano per l’album. Se non si potrà andare in studio, mi sono attrezzata da sola”. L’ingegno non le è mai mancato. La voglia neppure. “Mi ha fatto molto piacere, nei giorni scorsi, ricevere l’invito da Roy Paci per partecipare alla maratona online di artisti denominata ‘Keep on live’, di cui è direttore artistico”.

Non si può certo dire che, in tutta la strada sinora percorsa da Giulia, non ci sia tanta, tantissima gavetta: le serate nei locali, ad esempio, compresa la fatica a ritagliarsi uno spazio che Cance così mirabilmente ha saputo cantare, in maniera simpatica ma purtroppo anche sincera, nella canzone ‘Conosci?’. In particolare, quando dice: ‘Non mi fan presentare un disco al locale neanche a mie spese’. Poi, quando questo ostacolo pareva ampiamente superato, ne è arrivato uno ancora maggiore. Si chiama divieto d’assembramento, ma cadrà anche questo: che la musica vera, come l’amore vero, sa aspettare.

Alberto Bruzzone

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium