/ Economia

Economia | 23 maggio 2020, 11:57

Ceranesi: 2,8 milioni di euro da Città Metropolitana e Cociv per la SP4

Giampedrone: "Una risposta fondamentale per il territorio"

Ceranesi: 2,8 milioni di euro da Città Metropolitana e Cociv per la SP4

La Giunta regionale ha dato mandato oggi, all'assessore alle Infrastrutture Giacomo Giampedrone, di sottoscrivere l’atto integrativo alla variante complessiva degli enti liguri che consente di procedere all’intervento di ripristino della viabilità del tratto stradale SP4 nel Comune di Ceranesi. L’operazione ha un valore stimato di 2 milioni e 800 mila euro e sarà realizzata dalla Città Metropolitana di Genova con Cociv

“Una risposta fondamentale per il territorio - spiega l’assessore alla Protezione Civile Giacomo Giampedrone – La zona, oltre ad essere coinvolta nel cantiere dei lavori del Terzo Valico, lo scorso autunno, a seguito di gravi fenomeni metereologici, ha subito ingenti danni che hanno causato il crollo di quasi tutta la porzione dell’asse stradale e per cui già da tempo era chiara la necessità di dover intervenire per il ripristino della viabilità. Sono state tante, infatti, le richieste arrivate da parte dei cittadini delle frazioni a monte del Comune, che a causa della chiusura della strada SP4, hanno subito disagi nel raggiungere Ceranesi. Per questo oggi si dà il via a un intervento di grande importanza che consentirà il ripristino di una strada fondamentale per vallata che vede l’utilizzo delle risorse statali per i lavori del Terzo Valico”.

L'elenco delle opere viarie, definito in una convenzione nel 2012 tra RFI, COCIV, Regione Liguria, Città Metropolitana di Genova e i comuni di Genova, Campomorone e Ceranesi, è stato già modificato in questi anni a seguito di nuove esigenze dei Comuni relative alla viabilità. Nel corso del 2018 era stato evidenziato il cedimento di un muro di contenimento stradale nel territorio di Ceranesi che ha comportato la chiusura della strada provinciale SP4 in un'area adiacente la zona dei lavori per la "Variante Molino Moisello”.

Nell’autunno scorso la strada SP4 ha subito un ulteriore cedimento che ha reso quindi necessario ridefinire il progetto e individuare ulteriori risorse. La Città Metropolitana di Genova, essendo la SP4 già interessata da altri interventi di adeguamento realizzati da Cociv per conto di RFI, ha chiesto di poter inserire la nuova opera di ripristino tra quelle già previste nel progetto del Terzo Valico. 

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium