/ Cronaca

Cronaca | 15 ottobre 2020, 14:54

Truffa rip-deal da 400.000 euro: tre arresti della squadra mobile di Genova in collaborazione con quella di Torino

I finti compratori hanno simulato d’essere interessati all’acquisto di sette orologi di pregio e sostituito le le banconote vere con quelle facsimile

Truffa rip-deal da 400.000 euro: tre arresti della squadra mobile di Genova in collaborazione con quella di Torino

La Polizia di Genova ha arrestato per i reati di furto pluriaggravato in concorso tre persone che dimorano nella provincia di Torino, tutti gravati da precedenti per reati contro il patrimonio: il provvedimento restrittivo è stato disposto dal Gip del tribunale a seguito di indagini condotte dalla squadra mobile coordinate dalla locale Procura della Repubblica.

Le investigazioni erano finalizzate ad individuare gli autori di un rip-deal, un furto commesso utilizzando una particolare tecnica di raggiro commesso a maggio di quest’anno, la vittima è stata attirata all’interno di un hotel di lusso; i finti compratori hanno simulato d’essere interessati all’acquisto di sette orologi di pregio del valore di circa 400.000 euro. Durante l’incontro, dopo averli visionati, hanno pattuito di corrispondere il prezzo richiesto in contanti, ma all’atto della consegna hanno sostituito le banconote vere con quelle facsimile; in questo modo sono riusciti ad appropriarsi dei preziosi orologi consegnando una borsa contenente i soldi finti, dopodiché sono scappati a bordo di un auto guidata da un terzo complice.

L’analisi delle immagini estrapolate dagli impianti di videosorveglianza, il contributo della vittima e di alcuni testimoni corroborate da attività investigative di tipo tecnico hanno consentito di raccogliere a carico degli autori gravi elementi di responsabilità per i fatti contestati. Gli agenti della squadra mobile, supportati da quelli di Torino, hanno rintracciato i tre indagati nelle loro abitazioni di Piossasco e Trana; nel corso delle perquisizioni sono stati trovati abiti compatibili con quelli utilizzati per il furto, macchinetta conta-soldi, scatole di orologi Rolex, numerosi telefoni ritenuti utili sotto il profilo investigativo e circa 25 chili di banconote fac-simile, verosimilmente destinate ad altre truffe dello stesso tipo.

Redazione

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium