/ Cronaca

Cronaca | 23 febbraio 2021, 09:00

Detenuto appena scarcerato arrestato dalla Polizia penitenziaria di Marassi: creava scompiglio in un negozio

La comunicazione del segretario regionale del Sappe ligure Michele Lorenzo

Detenuto appena scarcerato arrestato dalla Polizia penitenziaria di Marassi: creava scompiglio in un negozio

Un arresto effettuato dalla Polizia Penitenziaria di Genova Marassi intervenuta per riportare alla calma un giovane che, in preda ai fumi dell’alcool, disseminava scompiglio all’interno di un negozio sportivo nei pressi del carcere genovese di Marassi.

Lo comunica il segretario regionale del SAPPe ligure Michele Lorenzo – L’agente penitenziario si trovava nel negozio libero dal servizio e ha notato il soggetto che infastidiva i clienti. Ha deciso d’intervenire quando non rispondeva ai vari inviti a lasciare il locale da parte del personale della vigilanza. L’agente ha riconosciuto il soggetto di nazionalità rumena che proprio poche ore prima aveva lasciato l’istituto di Marassi per fine pena, dopo essersi qualificato lo ha invitato a calmarsi e uscire dal locale visto aveva iniziato a lanciare i capi di vestiario li in vendita.

Di tutta risposta l’ex detenuto ha inveito nei confronti dell’agente prima con minacce verbali e poi colpendolo al volto. L’agente, per evitare che la violenza del soggetto potesse essere rivolta anche nei confronti dei clienti, è stato costretto ad immobilizzarlo, da li a poco sono sopraggiunti i rinforzi della Polizia Penitenziaria che hanno tratto in arresto il soggetto e ricondotto nuovamente in carcere.

L’episodio oltre a sottolineare la sempre indispensabile componente della sicurezza prodotta sul territorio dal personale di Polizia Penitenziaria - continua il SAPPe ligure - riporta in auge la difficoltà nel gestire i soggetti che propendono al rifiuto delle regole e, per alcuni di loro, l’inefficacia dell’effetto rieducativo della pena.

Purtroppo – commenta Lorenzo– è sovente questo effetto “tornello” di detenuti che vivono per poco tempo il loro stato di libertà prima di far rientro nuovamente nelle celle. Anche questo fenomeno deve essere monitorato con i supporti esterni da parte di enti pubblici come il Comune.

Comunicato Stampa

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium