/ Municipio Levante

Municipio Levante | 18 agosto 2021, 13:10

Ludopatia, parliamone e preveniamo: al via gli incontri nel Municipio Levante

L’iniziativa è nata per contrastare il gioco d’azzardo. Cinque appuntamenti che si tengono presso l’area giochi dei Giardini di Quinto. L’assessore Patrizia Arrighetti: “Occorre mettere in rilievo gli effetti che produce il gioco d’azzardo”

Ludopatia, parliamone e preveniamo: al via gli incontri nel Municipio Levante

Noi ci siamo’. È questo il nome del progetto promosso dal Municipio IX Levante appena avviato, mercoledì 11 agosto, il primo di cinque incontri che si tengono ai Giardini di Quinto (area giochi) #NOICISIAMO. L’iniziativa è curata dall’Unità di strada per informare i cittadini sui servizi offerti da Asl 3 Liguria per la prevenzione e il trattamento del gioco d’azzardo patologico.

“Nonostante la temperatura molto elevata e il periodo di ferie - spiega l’assessore municipale ai Servizi Sociali, Patrizia Arrighetti - l’affluenza e l’interesse per l’iniziativa da parte della cittadinanza sono stati più che soddisfacenti”.

Nel corso degli incontri vengono spiegati i rischi, gli effetti e la diffusione delle cosiddette ‘macchinette’ e del gioco d’azzardo. “In Italia ci sono circa 400 slot-machine, quasi il triplo di tutte quelle nello stato del Nevada, Las Vegas compresa e un terzo di tutte quelle nel mondo. Esistono tre tipi di slot. Le AWP, dette anche new slot, che si trovano ad esempio nei bar. La massima puntata è di un euro e si può giocare solo con le monete; tra una giocata e l’altra passano alcuni secondi e la vincita massima sono 100 euro. Ci sono poi le video lottery VLT che si trovano nelle sale slot. La puntata massima è 10 euro: si può giocare con monete, banconote, carte prepagate e ticket appositi. Tra una giocata e l’altra non c’è tempo d’attesa e la vincita massima è 5000 euro, però esiste anche un Jackpot della sala da 100.000 euro e uno nazionale da 500.000”. Le slot-machine che si trovano nei casinò sono invece gestite in autonomia dalle singole case da gioco.

Il meccanismo è uguale per tutte: hanno un monitor Lcd, pulsanti luminosi e per vincere bisogna mettere in fila più figure uguali. La combinazione vincente apre nuove schermate di gioco e nuovi livelli. Ogni slot ha un tema differente, coinvolgendo il giocatore a seconda dei suoi interessi che possono essere il cinema, lo sport o altro. Le slot-machine sono regolate da un algoritmo matematico preprogrammato per erogare un certo numero di vincite e anche di perdite.

In Italia al margine di guadagno del banco è stato stabilito per legge in media il 30% per le AWP e il 15% per le VLT. “Tutte le new slot sono collegate ad una rete controllata dallo Stato, quindi per il giocatore assiduo è per forza sconveniente.

Occorre mettere in rilievo gli effetti che produce il gioco d’azzardo, che sono spaesamento, distaccamento dalla realtà e perdita della cognizione del tempo. Le figure si fermano vicino alla posizione vincente, evitandola per poco e questo crea l’illusione e il desiderio di riprovare: l’effetto è quindi sia frustrante che stimolante e spesso le perdite sono seguite da piccole vincite incoraggianti. Questo sistema ripetuto può portare alla dipendenza.

I rischi sono molteplici e quindi si viene a considerare una slot come fosse un oggetto pensante e prevedibile: porta le persone a giocare il 50% di tempo in più rispetto a chi non lo crede. I soldi inseriti nelle slot si trasformano in crediti, non sembrano reali e si ha meno percezione del rischio. La velocità del gioco, poi, impedisce di tenere il conto preciso dei soldi che si spendono. Per ridurre i rischi, ecco che occorre ricordare alle persone che quando si è giocato non si può più tornare indietro e la spesa è irreversibile. Bisogna anche fare attenzione al significato delle parole: ad esempio se giochi 10 euro e ne vinci 7 significa che hai ‘perso’ 3 euro.

Anche le scritte sulle slot che dichiarano che la macchina restituisce una determinata percentuale del giocato sono ingannevoli: con giocato si intende sia la somma iniziale, sia quella delle vincite rimessa in gioco. Anche la macchina su cui si gioca è importante: le VLT hanno giocate più costose e veloci e quindi un rischio maggiore. Vincite e perdite non possono essere prevedibili. È meglio far passare un po’ di tempo tra una giocata e l’altra e tenere sempre il conto dei soldi che si spendono, comprese le vincite rimesse in gioco. I suoni e le immagini che le macchine producono durante le vincite, infine, non sono proporzionate a quanto si vince: a volte piccole vincite sono seguite da immagini e suoni esagerati: meglio ascoltare della musica in una cuffia mentre si gioca”.

Nel mese di settembre questi incontri proseguiranno ai Parchi di Nervi.

Rosa Cappato

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium