/ Politica

Politica | 10 ottobre 2021, 12:16

Attacco alla sede della Cgil, mercoledì in consiglio comunale un ordine del giorno per chiedere lo scioglimento dei partiti di estrema destra

Lo presenteranno i partiti di opposizione mercoledì, durante il prossimo consiglio comunale

Attacco alla sede della Cgil, mercoledì in consiglio comunale un ordine del giorno per chiedere lo scioglimento dei partiti di estrema destra

Un ordine del giorno per condannare l'aggressione di ieri nella sede della Cgil, ma anche per chiedere lo scioglimento di partiti di estrema destra, come Forza Nuova che ieri ha guidato l'assalto al sindacato. Lo presenteranno i partiti di opposizione mercoledì, durante il prossimo consiglio comunale.

Questa mattina alcuni esponenti politici della sinistra genovesi erano a Cornigliano, nella storica sede della Cgil, da dove è partito il corteo verso il centro città.

"La mia presenza è assolutamente un dovere nei confronti di un atto che è di una gravità estrema, - ha dichiarato il consigliere comunale Gianni Crivello - guai a sottovalutare questo aspetto, i no vax e i no green pass, che sono convinti, anche legittimamente delle loro posizioni, che non condivido, dovrebbero prestare molta più attenzione alle manifestazioni che organizzano. Siamo davanti a fascisti che sono in netta contraddizione con la Costituzione e con gli elementi di libertà che vengono espressi nel nostro testo. Noi mercoledì, con i partiti di minoranza, con l'augurio che altri di maggioranza possano condividerlo, prepareremo un ordine del giorno 'fuori sacco', con il rischio, come spesso accade, che venga rinviato, perché in questo caso serve l'unità totale, ma di fronte a questo speriamo che la sensibilità, al di là dell'appartenenza politica coinvolga tutti. Sarà un'occasione ulteriore per esprimere la nostra solidarietà alla Cgil, a Landini, a Igor Magni e a tutti gli amici e i compagni che credono nella democrazia".

"Siamo qui per reagire all'attacco fascista che c'è stato ieri nella sede della Cgil nazionale. - ha detto Alberto Pandolfo, consigliere comunale del Partito Democratico - Credo che non ci debbano essere dubbi sulla parte dalla quale stare. Oggi bisogna essere qui a fianco della Cgil, solidali con le lavoratrici e con i lavoratori. Sappiamo che l'attacco al sindacato, al lavoro, è un attacco alla Costituzione".

Anche il Pd si è associato alla richiesta di scioglimento dei partiti di estrema destra. "E' il messaggio chiaro che ha dato il nostro segretario Enrico Letta nelle ore in cui l'attacco si è manifestato. Credo che questa cosa vada perseguita con forza", ha concluso Pandolfo.

Presente anche il capogruppo del Partito Democratico a Tursi, Alessandro Terrile: "E' doveroso essere qui per dare la solidarietà alla Cgil, al mondo sindacale, a tutto il mondo sindacale e ai lavoratori, ma anche per chiedere alle istituzioni di reagire con fermezza all'episodio violento e squadrista di ieri, e credo che la reazione più giusta sia quella di procedere con lo scioglimento dei movimenti estremisti, squadristi e fascisti".

Al presidio era presente anche il consigliere regionale di Linea Condivisa Gianni Pastorino.

"Quello che è successo a Roma è molto grave e non ha niente a che vedere con il diritto di protestare in piazza. Non si attaccano corpi intermedi come la Cgil e le organizzazioni sindacali, che peraltro stanno in tutti i modi cercando di difendere il diritto al lavoro e il diritto al salario in una fase molto difficile perché la pandemia ha certamente impoverito le classi lavoratrici. Credo che quello di ieri sia un atto provocatorio inaccettabile, e mi auguro che il movimento di chi non vuole il green pass cerchi di distinguere in maniera netta. Credo che sia gente che legittimamente protesta, io non la condivido, ma credo sia giusto che inizi un dialogo e una discussione politica, ma ci sono comportamenti inaccettabili e non è possibile che queste piazze siano strumentalizzate dalla destra che poi attacca organizzazioni come la Cgil che sono sempre state, dalla loro nascita un baluardo per la democrazia in questo paese. E' un fatto grave che questa mattina stigmatizziamo con la presenza di molte lavoratrici e molti lavoratori per dire che la discussione è un conto e la violenza è un'altra, e questo è inaccettabile".

Sulla richiesta di scioglimento di partiti di estrema destra Pastorino si associa: "E' un atto necessario, già c'è una proposta di legge presentata tra l'altro da un deputato ligure che è Luca Pastorino, con cui collaboro da anni e con cui viviamo insieme delle esperienze politiche. Credo che ci sia stato un atteggiamento troppo tollerante nei confronti di queste organizzazioni, che affittano sedi, ma in realtà incitano alla violenza e che come ieri sono state protagoniste dell'attacco alla Cgil. E' necessario che queste organizzazioni siano sciolte e respinte politicamente anche da quei movimenti che vogliono andare in piazza, ma che non possono confondersi con queste persone, sennò inquinano definitivamente le loro posizioni. Io credo che su questo non ci possa essere nessuna tolleranza".

Francesco Li Noce

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium