/ Cronaca

Cronaca | 11 ottobre 2021, 16:57

No green pass in prefettura, all'uscita: "Ci hanno dato ragione, abbiamo chiesto un incontro con i ministri" (FOTO e VIDEO)

"Tutto quello che abbiamo detto verrà inserito in un resoconto, e ci daranno un feed back nell'immediato, e se non ce lo danno torniamo qua sotto", ha detto una manifestante all'uscita

No green pass in prefettura, all'uscita: "Ci hanno dato ragione, abbiamo chiesto un incontro con i ministri" (FOTO e VIDEO)


"Abbiamo parlato delle cure domiciliari, delle famiglie che stanno rischiando di rimanere senza lavoro, abbiamo parlato delle leggi incostituzionali, la più importante è quella del lavoro, è un abominio il fatto che per un certificato verde che non dà nessuna certezza a livello sanitario di bloccare la circolazione del covid, le persone non possano più andare a lavorare, che non abbiano più il diritto fondamentale del lavoro e non possono portare a tavola qualcosa per i propri figli. Abbiamo reso noto che è discriminatorio.



Loro ovviamente hanno detto che è vero, anche il discorso della legge europea l'hanno ammesso
. Tutto quello che abbiamo detto verrà inserito in un resoconto, e ci daranno un feed back nell'immediato, e se non ce lo danno torniamo qua sotto
". Lo ha detto una manifestante no green pass, membro del comitato 'Libera Piazza Genova' che ogni settimana organizza le proteste contro il certificato verde.

I manifestanti questa mattina hanno preso parte al corteo per lo sciopero generale, ma poco dopo la partenza dal terminal traghetti si sono separati dagli altri, lasciando cobas e usb sfilare sulla sopraelevata, mentre i no green pass, insieme ad alcuni esponenti di Italexit sono passati da sotto, per via Milano e via Gramsci.

I due cortei si sono poi riuniti per un attimo a Caricamento, ma i sindacati e i lavoratori hanno proseguito verso la sede di Confindustria passando per via San Lorenzo, piazza De Ferrari e via XX Settembre, mentre i no green pass sono passati per corso Aurelio Saffi, viale Brigate Partigiane, per ritrovarsi anche loro davanti a Confindustria, da dove sono risaliti per via XX Settembre, raggiungendo la prefettura e bloccando la rotonda di piazza Corvetto.




Poco dopo una delegazione di no green pass è stata ricevuta in prefettura. Tra loro il senatore del movimento 'L'Alternativa c'è' Mattia Crucioli, membri di 'Libera Piazza' e membri di Italexit, il partito fondato da Pierluigi Paragone.

All'uscita, una dei partecipanti ha riferito di aver chiesto durante l'incontro in prefettura, di poter incontrare i ministri che compongono il governo Draghi. "Abbiamo chiesto di avere un incontro con i ministri, che sono nostri dipendenti. Hanno detto di non poterlo garantire, ma ho risposto che non c'è bisogno di garanzie, basta che lo facciano".


Francesco Li Noce

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium