/ Cronaca

Cronaca | 26 ottobre 2021, 16:11

Tamponi gratuiti, ma non per i soci della compagnia unica, e volontari anche per i vaccinati. L'esito dell'incontro con l'Autorità Portuale

Lo sciopero prosegue fino a domani, ma come già questa mattina, senza blocchi ai varchi portuali

Tamponi gratuiti, ma non per i soci della compagnia unica, e volontari anche per i vaccinati. L'esito dell'incontro con l'Autorità Portuale

Tamponi gratis per i lavoratori del porto, ma non ancora a quelli della Compagnia Unica, che li offre a prezzo calmierato, e possibilità di sottoporsi ai test da parte dei lavoratori vaccinati. E' questo in sintesi il risultato dell'incontro di questa mattina tra i rappresentanti dell'Unione Sindacale di Base e l'Autorità Portuale di Genova in seguito allo sciopero di 48 ore indetto dal sindacato. Lo sciopero prosegue fino a domani, ma come già questa mattina, senza blocchi ai varchi portuali.

"A seguito del presidio - si legge in una nota - indetto per questa mattina di fronte alla sede della AdSP e da quanto stabilito ieri in sede prefettizia, USB ha incontrato l'Autorità Portuale. Nell'incontro l'Autorità Portuale ci ha riferito quanto comunicato al prefetto in merito ai problemi oggetto della piattaforma di sciopero ed in particolare:

Tutti i lavoratori dipendenti dei terminal hanno la possibilità di accedere, con l'intero costo a carico delle aziende e dunque gratuitamente, al tampone rapido negli HUB e nelle strutture convenzionate.

Gli Hub gestiti dall'associazione dell'autotrasporto hanno dato la disponibilità a estendere il servizio di somministrazione dei tamponi alle aziende che ne facciano richiesta e che risultino a vario titolo in ambito portuale.

In merito alle criticità evidenziate ai terminal PSA sui tempi degli esiti del tampone viene riferito l'impegno dell'azienda a intervenire sul fornitore per ridurre tempi. Inoltre il servizio offerto è esteso ad altri due punti convenzionati uno dei quali nei pressi del varco di San Benigno di Sampierdarena. Resta invece aperta la questione dell'accesso gratuito dei lavoratori della CULMV (Compagnia Unica) oggi fruibile solo a costi calmierati.

Sul punto anche in considerazione del fatto che la CULMV ospita un centro vaccinale abbiamo chiesto un coinvolgimento delle istituzioni, al fine di garantire ai lavoratori della CULMV le medesime condizioni dei dipendenti dei terminal. L'Autorità Portuale si è impegnata ad una risposta dopo ulteriori verifiche.

A fronte della situzione in essere al 14 ottobre quando le aziende che concedevano ai propri dipendenti il test rapido erano tre, riteniamo comunque si sia raggiunto un primo risultato utile a garantire reddito e lavoro a dimostrazione che la lotta può condurre a risultati positivi. E' necessario ora verificare la concreta applicazione di quanto comunicato dall'Autorità Portuale e la garazia che queste misure siano mantenute fino alla scadenza del decreto legge 127/21, temi che porteremo all'incontro che verrà convocato in Preferttura la prossima settimana.

Rimane indispensabile verificare altresi l'applicazione di tutte le altre misure di sicurezza finalizzate alla prevenzione del contagio Covid-19 e invitiamo pertanto tutti i lavoratori a segnalare tempestivamente ai delegati USB, agli RLS aziendali e di sito ogni violazione. Siamo consapevoli che sotto il profilo della sicurezza resta comunque ancora molto da fare, considerato che il greenpass è uno strumento assolutamente inadeguato per il mondo del lavoro e ribadiamo l'impegno a combattere ogni forma di discriminazione e divisione del mondo del lavoro
".

Francesco Li Noce

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium