/ Politica

Politica | 14 gennaio 2022, 16:39

Peste suina, il lockdown dei boschi e i danni alle attività e al territorio, l'allarme dell'unione dei comuni

"Le attività presenti sul territorio dovranno essere adeguatamente sostenute”, dichiara la presidente dell'unione e sindaca di Rossiglione Katia Piccardo

Il canyon della val Gargassa (foto tratta da parcobeigua.it)

Il canyon della val Gargassa (foto tratta da parcobeigua.it)

Questa è una terra di escursionismo, dove ci sono allevamenti, ristoranti, agriturismi, B&B, tutte attività che vengono da due anni di forte crisi e che adesso rischiano di subire un contraccolpo economico enorme, destinato a fare parecchie vittime”. L’allarme è lanciato da Katia Piccardo, sindaca di Rossiglione e presidente dell’unione dei comuni Stura, Orba e Leira sull’ordinanza dei ministri Roberto Speranza e Stefano Patuanelli che sancisce di fatto un lockdown nei boschi per mitigare il rischio di diffusione della peste suina.

Siamo molto preoccupati – continua Piccardo – perché se da una parte c’è la partita dell’emergenza sanitaria su cui l’attenzione deve essere altissima per cercare di tutelare la salute faunistica, dall’altra è evidente che un sistema così vasto generi tante altre preoccupazioni. Le attività presenti sul territorio dovranno essere adeguatamente sostenute”. 

La speranza è che la Regione intervenga derogando ad alcune attività. “C’è preoccupazione anche per l’abbandono dei sentieri, con tutti i rischi che comporta per i territori già colpiti da dissesto idrogeologico, perché se di lockdown si tratta, nessuna attività sarà consentita”, continua la presidente dell’unione, che riflette sul danno anche sociale: “Andare nei boschi è diventata un’attività che le persone prediligono nell’ultimo periodo, per evadere dalle città affollate, dove il virus corre più velocemente. I liguri, e non solo, approfittano di territori come il nostro, che è stato fregiato dal riconoscimento Unesco. Non poterlo fare per sei mesi, o come temiamo, più tempo, sarà una dura mazzata”.

Piccardo questa mattina ha telefonato al sottosegretario alla salute Andrea Costa: “E’ necessaria quanto prima un’interlocuzione su questa partita che può avere effetti estesi e invasivi”.

Francesco Li Noce


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium