/ Genova

Genova | 18 gennaio 2022, 07:15

Primo bilancio sui saldi invernali 2022, tra quarantene e soluzioni alternative

Siamo stati in Centro a chiedere ai titolari di alcuni negozi il bilancio del secondo week end di saldi invernali appena trascorso

Primo bilancio sui saldi invernali 2022, tra quarantene e soluzioni alternative

Ieri siamo andati in Centro a chiedere ai titolari di alcuni negozi il bilancio del secondo week end di saldi invernali appena trascorso. In linea di massima, i negozianti degli esercizi per la vendita di capi di abbigliamento con sede in via XX Settembre hanno dato riscontri piuttosto negativi. L’impressione è che l’afflusso di clientela sia diminuito, anche e soprattutto a causa delle quarantene in auto sorveglianza che hanno impedito a molta gente di allontanarsi dal domicilio. In questo periodo, infatti, la curva dei contagi è in rapida crescita ed il calo è previsto nei prossimi giorni.

In ragione di quanto sopra qualcuno sostiene che i saldi avrebbero dovuto essere differiti ad un periodo di maggiore stabilità della curva epidemiologica.

Altri ancora ritengono che molti acquisti siano stati effettuati in anticipo, in occasione dei Black Fridays e del Natale, per cui è andata scemando l’esigenza di nuove compere.

C’è chi propone una valida alternativa ai saldi in periodi prestabiliti, come, ad esempio, le vendite promozionali organizzate in autonomia dagli esercenti.

Sembra, quindi, che gli acquisti di capi di abbigliamento non abbiano goduto dei benefici effetti delle vendite in saldo. All’opposto, si è verificato un rialzo negli acquisti di articoli per la casa. Questo dato è molto significativo in quanto dimostra la tendenza dei genovesi a trattenersi nelle mura domestiche.

Al fine di acquisire un giudizio più autorevole sui saldi 2022, abbiamo intervistato il presidente di Federmoda Confcommercio Genova Gianni Prazzoli, il quale ha confermato che lo scarso successo riscosso dai saldi invernali 2022 deve imputarsi al gran numero di contagiati asintomatici costretti a restare a casa. Secondo Prazzoli, pertanto, è prematuro esprimere bilanci ed è necessario attendere che i contagi vadano scemando.

Abbiamo, altresì, interpellato la vicepresidente Federmoda Confcommercio Genova Manuela Carena, la quale ha dichiarato che il bilancio non è positivo, seppure migliore rispetto a quello dello scorso anno che, per ovvii motivi, è stato il peggiore di sempre. Carena ricorda, però, che sia i saldi estivi sia gli acquisti natalizi hanno registrato esiti incoraggianti. Inoltre, la vicepresidente ritiene oltremodo necessario intraprendere, ora più che mai, iniziative per la promozione degli acquisti “sotto casa” (#iocomprosottocasa), che presentano il vantaggio di non costringere gli acquirenti a “trasferte” lontano dal loro domicilio.

Christian Torri

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium