/ Innovazione

Innovazione | 17 maggio 2022, 10:46

SharEat, l'app per ottenere lo sconto al ristorante grazie al progetto di due giovani genovesi

Fotografare il piatto ordinato al ristorante e ottenere uno sconto: questo il concetto dell'app progettata da Gianluca e Moreno Magagnoli

SharEat, l'app per ottenere lo sconto al ristorante grazie al progetto di due giovani genovesi

Ottenere uno sconto al ristorante semplicemente fotografando e condividendo il piatto che si sta per consumare. Tutto ciò è possibile grazie a 'ShareEat', un'app disponibile negli stores da giugno 2022, creata da Gianluca e Moreno Magagnoli, vincitori del Premio Marketing per l'Università SIM 2019, sostenuto da Sanpaolo Invest e promosso in collaborazione con l'Università di Genova. Una volta fotografato, il piatto sarà condiviso su Instagram, offrendo pubblicità al locale, che potrà decidere di applicare uno sconto al cliente. 

Sono lieto di essere arrivato alla fine di un progetto di sviluppo di giovani talenti, - spiega Davide Siri, regional manager Sanpaolo Invest - è un percorso che nasce anni fa con l'Università di Genova, in collaborazione con la professoressa Nicoletta Buratti del dipartimento Economia e con la dottoressa Elena Sparago, esperta di marketing e comunicazione. L'obiettivo di Sanpaolo Invest è stato, dall'inizio di questo percorso, aiutare e sostenere giovani studenti in progetti e studi imprenditoriali nel marketing. Sanpaolo Invest è infatti sempre vicina ai giovani talenti in tutti gli ambiti della società, che ha un grande bisogno di un passaggio generazionale e di competenze sempre maggiori”.

Un evento sicuramente importante per l'avvio della nostra applicazione – dichiara Gianluca Magagnoli, cofondatore di SharEat - è stata la partecipazione al premio del 2019. Durante questo percorso abbiamo potuto approfondire il legame tra il mondo food e della ristorazione con quello del marketing. Questo concorso, finanziato da San Paolo Invest e successivamente vinto da noi, ci ha permesso di avere uno stimolo importante, spronandonci ad uscire dall'ordinario e a credere nelle nostre idee. Per giovani studenti come noi avere il supporto e la guida di figure competenti e strutturate come Davide Siri, Nicoletta Buratti e Elena Sparago, è stato fondamentale per poter credere in noi stessi e nelle idee che desideravamo sviluppare, consentendoci di concretizzarle al termine di un percorso stimolante e formativo”.

ShareEat app sarà un'applicazione semplicissima – spiega l'altro cofondatore Moreno Magagnoli – che consentirà di avvicinare il mondo della ristorazione al mondo social, sfruttando un fenomeno che già esiste. Noi vogliamo cercare di canalizzarlo, incentivarlo e premiarlo. Nella sostanza il cliente scatterà una foto al piatto che sta per consumare, la condividerà sulle Instagram Stories taggando il locale, a cui farà pubblicità diretta. In cambio il locale offrirà una ricompensa, che potrà essere un semplice omaggio, come amaro, caffè o dolce, oppure uno piccolo sconto. Il locale avrà totale flessibilità nella ricompensa da offrire, in quale tipologia di pasto e in quali giorni della settimana applicare le promozioni”.

ShareEat sarà presente negli stores da giugno 2022 e sarà totalmente gratuita per i clienti. I ristoratori, dopo un periodo di prova gratuita potranno decidere di sottoscrivere un piccolo canone mensile.

SharEat è un applicazione dedicata agli operatori del mondo della ristorazione e ai loro clienti. Attraverso l’app, i clienti scatteranno la foto del piatto consumato e la condivideranno nelle Instagram Stories taggando il locale. In questo modo si innescherà un circolo virtuoso di pubblicità diretta via social.

Per incentivare questo, il ristoratore in piena autonomia potrà offrire in cambio ai clienti una ricompensa, sotto forma di un omaggio o di sconto percentuale.

Per scoprire di più visita il sito o la pagina Instagram.

Redazione

Google News Ricevi le nostre ultime notizie da Google News SEGUICI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium