/ Sport

Sport | 17 settembre 2022, 18:55

Genoa, basta Jagiello per battere il Modena. Ma che fatica segnare: al "Ferraris" finisce 1-0

Primo successo casalingo per i rossoblù grazie alla rete allo scadere del primo tempo del polacco. Prove di cambio modulo per Blessin, ora la pausa a -4 dalla vetta

Il match winner per il Genoa, Filip Jagiello (foto di Gabriele Siri)

Il match winner per il Genoa, Filip Jagiello (foto di Gabriele Siri)

La fatica nel segnare è una costante. La sola rete di Jagiello allo scadere del primo tempo basta però al Genoa per conquistare i suoi primi tre punti della stagione davanti al pubblico amico battendo 1-0 il Modena.

Un Grifo diverso dalle ultime uscite nel vestito tattico scelto dal tecnico tedesco che chiedeva, ancora una volta, una crescita nella concentrazione dei suoi uomini per l'intera durata della partita. Un 4-2-3-1 che riporta alla memoria gli ultimi mesi della scorsa stagione sotto diversi aspetti, pronto quindi a trasformarsi, nel finale di gara, in un 4-3-3 in cui diventano protagonisti in particolar modo gli ultimi due "botti" del mercato estivo: Aramu e Strootman.

Sono però i fantasmi di Palermo i primi a scendere sul rettangolo del Ferraris, tornato in condizioni più accettabili rispetto a inizio stagione. Le azioni più pericolose arrivano sì sfruttando quegli evidenti spazi che lasciano i canarini tra gli esterni e il trio centrale difensivo, eppure la fatica degli avanti genoani per trovare il gol, pur col cambio modulo messo in campo da Blessin, è sempre enorme.

Soprattutto per un'imprecisione eccessiva negli ultimi quindici metri, tant'è che le occasioni per Coda e compagni arrivano eccome. E' la stoccata decisiva a non arrivare fino quasi allo scadere della prima frazione (44') quando Jagiello infila Gagno, bravo a salvare di piede su Yalcin (30') e poi salvato prima da Portanova che calcia altissimo da due passi (8'), poi da uno controllo poco agevole di Coda (13') e quindi da Azzi che sul secondo palo anticipa sul cross di Pajac ancora Portanova, lodevole per la puntualità con cui riesce a farsi trovare dai compagni e la vivacità nei movimenti.

Anche nella ripresa il Grifone parte decisamente meglio rispetto a tante delle precedenti uscite, eppure l'area di rigore avversaria sembra avvolta da una sorta di incantesimo per cui gli avanti rossoblù perdono di . Capita all'insospettabile Pajac che colpisce il palo (57') ma anche a Coda, la cui astinenza in campionato, escluso il rigore messo a segno col Parma, è un qualcosa su cui lavorare anche se l'intesa con Aramu sembra promettere bene, tant'è che su entrambi nel finale poi è decisivo Gagno per negargli la gioia del gol. 

Ora il tecnico tedesco avrà due settimane di lavoro pieno senza l'assillo della partita per riuscire a inserire definitivamente i nuovi, non solo atleticamente ma anche tatticamente. Al rientro ci sarà la Spal e poi il big match col Cagliari: due test importantissimi per capire quale ritmo potrà dare il Genoa alla sua stagione.

Mattia Pastorino


Sei un tifoso? Ti occupi di un club di tifosi? Sei un appassionato di calcio?
Contattaci: daremo spazio ai tuoi pareri, umori e commenti sul Genoa. Scrivi a redazione@lavocedigenova.it

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium