/ Cronaca

Cronaca | 22 settembre 2022, 15:23

Chiuse le indagini sulle certificazioni false rilasciate a navi passeggeri e mercantili

Indagate 15 persone e il Rina. Tra i verbali irregolari ci sono quello sulla Jolly Nero, che nel 2013 urtò la Torre Piloti causando la morte di 9 persone

Chiuse le indagini sulle certificazioni false rilasciate a navi passeggeri e mercantili

Sono 17 i capi di imputazione ipotizzati a dipendenti del Rina, funzionari della Capitaneria di porto, capitani della flotta Jolly Nero della compagnia Messina. Le accuse sono di falso in atto pubblico, perché sarebbero state rilasciate certificazioni di sicurezza nonostante guasti e problemi riscontrati sui mercantili. 

Tra gli episodi contestati ci sono i verbali sulla Jolly Nero, la nave portacontainer che nel maggio del 2013 andò a urtare la Torre Piloti, facendola crollare e procurando la morte di 9 persone e le false certificazioni per il Norman Atlantic, il traghetto che prese fuoco nel dicembre 2014 durante la navigazione, lungo la tratta Igoumenitsa e Ancona, causando 9 morti. 

Proprio in seguito all’episodio della Jolly Nero scattarono le indagini sulle false certificazioni: secondo l’accusa, alcuni indagati distrussero il verbale di ispezione successiva alla tragedia e ne compilarono uno falso. Secondo il pm la nave, certificata dal Rina e ispezionata dalla Capitaneria, era salpata con le carte truccate e con diverse apparecchiature guaste. Nel 2017 due funzionari della Capitaneria erano stati sospesi mentre due ingegneri del Registro navale erano finiti ai domiciliari. 

Il Rina commenta l'iniziativa della procura con la chiusura delle indagini sulle certificazioni navali irregolari: "Dai documenti di chiusura indagini depositati traspare una volontà di costruire un teorema che non ha alcun fondamento sui fatti. Un teorema che nemmeno spiega per quale motivo le persone coinvolte o il Rina dovrebbero avere commesso quanto gli viene attribuito nonostante sette anni di indagini, migliaia di pagine di intercettazioni e milioni di documenti acquisiti dagli inquirenti. Attendiamo di conoscere gli sviluppi a seguito delle richieste dell'accusa e delle decisioni dei giudici, conservando completa fiducia nella giustizia".

Redazione

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium