/ Cronaca

Cronaca | 23 settembre 2022, 10:38

Morta dopo l'asportazione di un neo, santone e medico condannati a 3 anni e 4 mesi

Si conclude con le due condanne il processo in primo grado per la morte di Roberta Repetto, 40 anni, uccisa nell'ottobre 2020 da un tumore dopo l'asportazione di un neo. Assolta la psicologa Paola Dora

Morta dopo l'asportazione di un neo, santone e medico condannati a 3 anni e 4 mesi

Tre anni e quattro mesi al 'santone' del centro olistico Anidra di Borzonasca Paolo Bendinelli e al medico di Brescia Paolo Oneda. Si conclude con le due condanne il processo in primo grado per la morte di Roberta Repetto, 40 anni, uccisa nell'ottobre 2020 da un tumore dopo l'asportazione di un neo, operazione eseguita senza anestesia sul tavolo della cucina del centro. Dopo l'operazione Roberta Repetto, come è risultato nel corso del processo, era stata curata per circa due anni con tisane zuccherate e meditazione.

Il processo, avvenuto con rito abbreviato si è chiuso questa mattina, la condanna è arrivata per omicidio colposo, i due sono stati assolti, dal giudice Alberto Lippini, dalle accuse di violenza sessuale e circonvenzione di incapace. E' stata assolta la terza imputata, la psicologa Paola Dora.

La Pm Gabriella Dotto, nella sua requisitoria aveva richiesto pene più alte: sedici anni per Bendinelli, quattordici per Oneda e dieci per Dora, accusandoli di omicidio volontario.

"La famiglia Repetto - si legge nel profilo Facebook della sorella di Roberta, Rita - prende atto della sentenza del Gup Alberto Lippini che CONDANNA per OMICIDIO COLPOSO Paolo ONEDA  e Paolo BENDINELLI a 3 anni e 4 mesi di reclusione e assolve Paola Dora e resta in attesa di conoscere le motivazioni che hanno portato a questa decisione".

Redazione

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium