/ Politica

Politica | 11 luglio 2023, 14:47

Ordinanza anti alcol, Gambino: "Sarà modificata, ma sicurezza conta più di una birra in spiaggia"

L'assessore: "E' stata condivisa con la giunta", ma la polemica interna alla maggioranza non è alle spalle

Ordinanza anti alcol, Gambino: "Sarà modificata, ma sicurezza conta più di una birra in spiaggia"

Qualcosa andava fatto perché da inizio anno ci sono già state 1049 richieste di intervento alla polizia locale per fenomeni di malamovida, schiamazzi e ubriachezza molesta, che si sommano alle 1495 richieste di intervento dal 1 maggio al 31 agosto dello scorso anno. È questo il senso dell'intervento dell'assessore alla sicurezza Sergio Gambino che questo pomeriggio si è trovato a rispondere a due interrogazioni, una dal consigliere di minoranza Mattia Crucioli (Uniti per la Costituzione) e una del capogruppo della Lega Federico Bertorello, lo stesso che lo aveva pubblicamente attaccato insieme al collega di partito Alessio Bevilacqua.

Non è una critica politica, né tanto meno alla sua persona, - ha chiarito Bertorello – ma di questa ordinanza contestiamo il metodo perché sarebbe stato opportuno discuterne in giunta e con i capigruppo. Se lo avesse fatto non saremmo stati costretti a manifestare pubblicamente le critiche”.

Gambino ha confermato le modifiche già annunciate dal sindaco che ha chiesto ai suoi assessori di rivedere l'ordinanza a partire dalla prossima settimana. Le novità riguardano le zone, saranno infatti individuate quelle considerate a maggiore rischio, e la finestra oraria. Secondo le indiscrezioni il divieto, attualmente dalle 16 alle 8, sarà in vigore dalle 22.

La polemica interna alla maggioranza non può comunque dirsi alle spalle; Bertorello ha ripreso Gambino perché durante la sua interrogazione parlava con la collega di giunta Paola Bordilli, assessore al commercio ed esponente della Lega. “Non parli con la Bordilli, ci parli quando deve scrivere le ordinanze”, ha detto Bertorello.

L'assessore ha replicato assicurando che l'ordinanza è stata condivisa in giunta e poi, spiega Gambino, “dopo una mediazione, fatta firmare al sindaco. È evidente che si tratta di una delibera che impatta, la durata è infatti legata a questo (l'ordinanza scade il 30 settembre, ndr) ma dovevamo dare risposte alle mille persone che hanno chiesto l'intervento per le problematiche dall'abuso di alcol. Il diritto alla sicurezza è prioritario a quello di bere una birra in spiaggia”. 

Francesco Li Noce


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A LUGLIO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.
Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium