/ Politica

Politica | 24 novembre 2023, 16:45

Sestri L., Claudio Muzio chiede la ricollocazione dello striscione per Regeni sulla facciata del Palazzo Comunale, in attesa di tutti i pareri istituzionali

In una lettera aperta inviata al sindaco, il consigliere chiede la ricollocazione dello striscione sulla facciata del Palazzo comunale

Sestri L., Claudio Muzio chiede la ricollocazione dello striscione per Regeni sulla facciata del Palazzo Comunale, in attesa di tutti i pareri istituzionali

Di seguito, la lettera aperta del consigliere Claudio Muzio indirizzata al sindaco di Sestri Levante per chiedere la ricollocazione dello striscione per Giulio Regeni sulla facciata del Palazzo comunale

Egr. Sindaco,

Egr. Presidente del Consiglio Comunale,

 

In esito al distacco causa vento forte, in data 22 novembre u.s., dello striscione “Verità per Giulio Regeni” dalla facciata del Palazzo comunale, con la presente sono a richiedere, alla luce dell’ordine del giorno approvato dal Consiglio Comunale in data 13 settembre u.s. e del parere trasmesso dalla Prefettura al Comune di Sestri Levante in data 15 novembre u.s., che nei tempi più brevi possibili tale striscione venga ricollocato nella suddetta posizione, in attesa dell’acquisizione del parere dell’Ufficio Cerimoniale della Presidenza del Consiglio dei Ministri per l’adozione di ulteriori determinazioni.

Come sopra richiamato, ritengo tale atto necessario in primo luogo per ottemperare con pieno rispetto al dispositivo del citato ordine del giorno, che impegnava il Sindaco e la Giunta “ad attivarsi per verificare la legittimità dell’esposizione della bandiera della pace e dello striscione ‘Verità per Giulio Regeni’ sulla facciata del Palazzo Comunale, interpellando Enti ed Autorità competenti; a dare indirizzo agli uffici di presentare specifico quesito all’Ufficio Cerimoniale presso la Presidenza del Consiglio”.

In secondo luogo, ricordo che, in attesa del parere dell’Ufficio Cerimoniale presso la Presidenza del Consiglio, il parere della Prefettura pervenuto in data 15 novembre u.s., ribadisce la legittimità dell’esposizione dello striscione: “Si rappresenta che in occasione dell’esposto presentato nel 2018 dal consigliere comunale, sig. Paolo Smeraldi, questa Prefettura ha già interessato l’Ufficio del Cerimoniale di Stato e delle Onorificenze presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri, il quale ha riferito quanto segue: ‘Per quanto concerne la presenza, sulla facciata del Municipio, dello striscione della campagna Verità per Giulio Regeni, il predetto Ufficio ritiene che lo stesso risulta collocato in posizione che non disturba l’esposizione delle tre bandiere ivi presenti’”.

Alla luce di tutto ciò, Vi sollecito a provvedere quanto prima alla riapposizione dello striscione “Verità per Giulio Regeni” sulla facciata del Palazzo Comunale, laddove precedentemente collocato.

Per quanto mi riguarda, sottolineo che ogni ulteriore decisione sull’esposizione dello striscione non potrà essere demandata agli agenti atmosferici, ma dovrà essere presa, dopo la riapposizione dello stesso, attraverso i percorsi, l’assunzione di responsabilità e le scelte politiche che sono di pertinenza, in una prospettiva costituzionale, degli organismi istituzionali eletti dai cittadini e libera espressione del loro voto.

Certo della Vostra attenzione e confidando nella Vostra autorevolezza,

porgo distinti saluti.

 

Claudio Muzio

Consigliere comunale di “Sestri per tutti”

Redazione


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A MARZO?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium