/ Politica

Politica | 19 marzo 2024, 16:32

Futuro dei rifiuti a Genova, Giampedrone: “Nessun contatto con Città Metropolitana per chiudere il ciclo a Scarpino”

L’assessore regionale nega le interlocuzioni con Bucci. Pastorino: “Qualcuno millanta contatti che non ci sono”

foto d'archivio

foto d'archivio

Nessuna interlocuzione tra Regione e Città Metropolitana per chiudere il ciclo dei rifiuti a Scarpino”. Così l’assessore regionale Giacomo Giampedrone ha risposto alle interrogazioni di Selena Candia (Lista Sansa) e Giovanni Pastorino (Linea Condivisa) in merito al futuro della discarica di Scarpino alla luce della possibile realizzazione di un gassificatore o di un termovalorizzatore per il trattamento finale dei rifiuti. Scelta successiva al ridimensionato progetto per l’impianto di trattamento meccanico biologico (TMB) per via delle difficoltà tecniche riscontrate a seguito del rischio cedimento del terreno palesatosi nel 2021.

In consiglio regionale i consiglieri Candia e Pastorino hanno chiesto conto delle ipotizzate interlocuzioni tra Regione e Città Metropolitana per individuare proprio a Scarpino il sito per la costruzione di un sistema che consenta di chiudere il ciclo dei rifiuti all’interno del territorio comunale di Genova. Procedura che l’assessore Giampedrone ha di fatto smentito: “Mi si chiede quali interlocuzioni siano in corso tra Regione e Città Metropolitana per chiudere il ciclo dei rifiuti a Scarpino: nessuna. Sono in corso interlocuzioni in Regione per chiudere il ciclo dei rifiuti in Liguria, ma non trova nel piano regionale l’indicazione dei siti. Il piano dà dei criteri escludenti e vincolanti. Le interlocuzioni sono in corso anche con Città Metropolitana, ma non riguardano assolutamente il sito di Scarpino protagonista per questo tipo di soluzione”.

C’è un sindaco a Genova che dice che ci sarà un termovalorizzatore e sarà qui - ha replicato Candia - Bucci sembra voler spingere verso un percorso che a lui verrebbe più comodo, ma che magari non è il migliore per la Regione”.

Il sindaco Bucci ha la capacità di mettere in disaccordo la sua giunta - ha aggiunto Pastorino - non è la prima volta che lo vedo in difficoltà per affermazioni del sindaco. Dai propri fallimenti non si impara nulla. Il termovalorizzatore è quello che lui ritiene più idoneo. Lei dice che non c’è stata interlocuzione, mentre Bucci dice che c’è stata. Qualcuno millanta contatti che non ci sono”.

Pietro Zampedroni


Vuoi rimanere informato sulla politica di Genova e dire la tua?
Iscriviti al nostro servizio gratuito! Ecco come fare:
- aggiungere alla lista di contatti WhatsApp il numero 0039 348 0954317
- inviare un messaggio con il testo GENOVA
- la doppia spunta conferma la ricezione della richiesta.
I messaggi saranno inviati in modalità broadcast, quindi nessun iscritto potrà vedere i contatti altrui, il vostro anonimato è garantito rispetto a chiunque altro.
LaVocediGenova.it li utilizzerà solo per le finalità di questo servizio e non li condividerà con nessun altro.
Per disattivare il servizio, basta inviare in qualunque momento un messaggio WhatsApp con testo STOP GENOVA sempre al numero 0039 348 0954317.

TI RICORDI COSA È SUCCESSO L’ANNO SCORSO A APRILE?
Ascolta il podcast con le notizie da non dimenticare

Ascolta "Un anno di notizie da non dimenticare" su Spreaker.

Telegram Segui il nostro giornale anche su Telegram! Ricevi tutti gli aggiornamenti in tempo reale iscrivendoti gratuitamente. UNISCITI

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium