/ Sanità

Sanità | 21 gennaio 2019, 09:11

Maculopatia: giornata di prevenzione gratuita con "50&Più"

L’Associazione 50&Più –Genova, grazie alla disponibilità del professor Massimo Nicolò, promuove una giornata dedicata alla prevenzione della maculopatia, attraverso lo screening gratuito sabato 26 gennaio, dalle ore 10 alle ore 16, presso il Circolo Unificato dell’Esercito

Maculopatia: giornata di prevenzione gratuita con "50&Più"

L’Associazione 50&Più –Genova grazie alla disponibilità del professor Massimo Nicolò, oculista responsabile del Centro Retina e Maculopatie della Clinica Oculistica dell’Università di Genova, promuove una giornata dedicata alla prevenzione della maculopatia, attraverso lo screening gratuito in programma sabato 26 gennaio, dalle ore 10 alle ore 16, presso il Circolo Unificato dell’Esercito in via S. Vincenzo 68.

Lo screening verrà eseguito grazie ad un OCT/retinografo di ultima generazione messo a disposizione gratuitamente dalla ditta Topcon. Non ci sono controindicazioni.

Informazioni ai numeri 010.543042 oppure 010.5530352.

La macula è la parte centrale della retina, la più nobile e sensibile che ci consente di riconoscere i colori, i volti e i dettagli delle persone, leggere, scrivere, infilare la chiave nella serratura, distinguere i soldi. Col passare del tempo la macula tende ad andare incontro a modificazioni legate all’invecchiamento che possono rimanere asintomatiche per molti anni ma che improvvisamente o nel giro di qualche settimana possono portare ad una diminuzione della visione centrale. Questa condizione si chiama degenerazione maculare legata all’età. Spesso il sintomo premonitore è la percezione di vedere tutto ciò che è dritto storto, deformato, ondulato. Questo segno è un campanello d’allarme estremamente importante.

La macula però può essere danneggiata anche da malattie sistemiche, come il diabete che col tempo può portare a una condizione chiamata edema maculare diabetico. La cosa importante oggi da sapere è che spesso molte forme di maculopatia possono essere diagnosticate a uno stadio precoce e monitorate nel tempo oppure addirittura trattate quando ancora non si sono manifestati i sintomi visivi.

La diagnosi precoce, oggi possibile e auspicabile, necessita da un lato un oculista particolarmente esperto nelle diagnosi, terapia e gestione delle malattie della macula e dall’altro la possibilità di utilizzare tecniche strumentali di ultima generazione come l’OCT associato alla fotografia a colori della macula.

L’OCT è un esame non invasivo, veloce e altamente informativo che consente di ottenere scansioni trasversali della macula e fotografie a colori. È una sorta di analisti della struttura della retina che consente di valutare nel dettaglio gli strati retinici. Entrambe queste condizioni sono soddisfatte in occasione di questo screening.

Comunicato stampa

Ti potrebbero interessare anche:

Prima Pagina|Archivio|Redazione|Invia un Comunicato Stampa|Pubblicità|Scrivi al Direttore|Premium